Giornale di informazione di Roma - Domenica 11 dicembre 2016
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Al via lo sgombero del campo della Martora

si procede verso la chiusura dei campi di Tor dè Cenci e Muratella

Con il trasferimento delle prime 50 persone è cominciato lo spostamento della popolazione residente nel campo nomadi abusivo "La Martora", nel V Municipio. Attualmente il campo ospita 350 persone di etnia Rom, fra cui molti bambini. Entro l'estate, tutti i nomadi saranno ricollocati in centri d'accoglienza e in campi attrezzati e controllati dal Comune, secondo un programma che eviterà di separare le famiglie e cercherà di riunire le nazionalità considerate più compatibili fra loro.

Una volta giunti nella nuova sistemazione, i nomadi riceveranno il Dast, un documento che attesta la rispondenza a determinati requisiti e autorizza a stanziare in un determinato campo per un periodo massimo di quattro anni. Il rilascio del Dast sarà però preceduto dalla sottoscrizione da parte dei nomadi di un atto di impegno con l'amministrazione capitolina che prevede una serie di obblighi.

"Questo era uno dei campi più problematici di Roma - ha detto l'assessore alle politiche sociali del Comune di Roma Sveva Belviso - Il Piano nomadi va avanti: il nostro obiettivo è quello di avere campi attrezzati e sereni, dove non ci sia conflittualità nè criminalità, ma armonia fra le persone". L'area su cui oggi sitrova il campo "La Martora", una volta terminato il trasferimento della popolazione, sarà bonificata e recuperata, probabilmente come punto verde. Dopo questo intervento, il Piano nomadi prevede la chiusira dei campi di Tor dè Cenci e della Muratella.

"Dopo la chiusura del Casilino 900, questo è il secondo grande campo tollerato che viene cancellato -ha detto Alemanno - Questo vuol dire che il piano nomadi, elaborato dal prefetto in collaborazione col comune, è una realtà importante che sta cambiando il volto della città".

"Sin da ora - ha commentato il presidente del V Municipio Ivano Caradonna - è necessario che l'amministrazione capitolina prenda un impegno serio perchè in quell'area, una volta sgomberata, vengano realizzati quei progetti di riqualificazione come il Punto Verde Qualità a servizio dei cittadini, interventi fortemente voluti e sostenuti dall'amministrazione municipale".

 
TAG: nomadi
 

[21-07-2010]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE