Giornale di informazione di Roma - Lunedi 18 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Sgomberato il campo nomadi di Tor Vergata

250 persone sfollate, 80 baracche abbattute

Dopo il consiglio straordinario in municipio e le pressioni dei cittadini è stato sgomberato questa mattina il campo nomadi abusivo tra via Casilina e via Duilio Cambellotti, nella zona di Tor Vergata.

Nell'insediamento, di proprietà dell'Università di Tor Vergata, vivevano ammassate in una ottantina di baracche, circa 250 persone, tutte di etnia rom. I senza fissa dimora sono andati via spontaneamente, senza creare alcun problema di ordine pubblico.

Alle operazioni, iniziate intorno alle sette, hanno lavorato i vigili urbani dell'VIII gruppo, in collaborazione con i colleghi del VI, VII e XI.

Il 26 febbraio scorso era stato convocato un consiglio straordinario dell’VIII municipio per affrontare lo scottante tema della baraccopoli di Tor Vergata. Ad aver scatenato l’ira dei residenti di Giardinetti e zone limitrofe è l’insediamento spontaneo nato a quasi un anno fa sui terreni dell’Università di Tor Vregata, in prossimità del Policlinico e cresciuto notevolmente negli ultimi 6 mesi.

Il Rettore del secondo Ateneo, Finazzi Agrò, ha espresso "Viva soddisfazione e apprezzamento per l'operato delle forze dell'ordine" e si è impegnato a mettere a disposizione della polizia municipale i mezzi dell'Università per monitorare, per circa 15 giorni, la zona compresa tra Tor Vergata, Tor Bella Monaca, Borghesiana, Borgata Vermicino e Ponte di Nona. Sarà sempre l'Ateneo a procedere, in seguito, alla messa in sicurezza dell'area. Il Presidente del municipio, Fabrizio Scorzoni, nell'esprimere soddisfazione per il risultato raggiunto, ha affermato che si è "Mantenuto l'impegno preso con i cittadini durante le ultime sedute del Consiglio municipale".

 
 

[05-03-2007]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE