Giornale di informazione di Roma - Lunedi 18 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

I danni dello smog

l'inquinamento fa quasi 6.000 morti al giorno

Le polveri sottili fanno quasi seimila morti ogni anno e pesano come un macigno sul sistema sanitario. Non ce lo doveva dire Nomisma che le elevate concentrazioni di Pm10 sono ultranocive e che le malattie collegate all'aria che respiriamo riempiono i posti letto in ospedale: l'istituto di ricerca, però, tira fuori dati che definire allarmanti è poco e, soprattutto, pongono un interrogativo sull'efficienza  delle varie politiche antismog delle amministrazioni comunali e regionali in questi ultimi anni.

I dati, riferiti al triennio 2006-2008 parlano chiaro: le elevate concentrazioni in atmosfera di polveri sottili sono responsabili di 5876 decessi nelle prime città italiane per popolazione. Roma è la città dove si presume siano maggiori le morti per eccessivo inquinamento, 1500 all'anno, seguita da milano e torino.

In coda a questa classifica Bari, Messina e Catania. Oltre a uccidere le polveri sottili gravano parecchio anche sui bilanci dello stato: sempre secondo Nomisma, a Roma, Milano e Bologna nel 2007 si è speso un totale di poco meno di 6milioni e mezzo di euro per i ricoveri relativi a patologie respiratorie e cardiocircolatorie attribuibili all'inquinamento. Nel dettaglio, a roma sarebbero stati spesi quasi 4 milioni di euro, quasi due a Milano e a Bologna 677mila euro.

 
 

[24-06-2010]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE