Giornale di informazione di Roma - Sabato 16 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Maltempo d'estate

stabilimenti vuoti e temperature settembrine

È ora di dirlo a chiare lettere: non ci sono più le mezze stagioni. Peggio, non ci sono più nemmeno le stagioni. E già, perché oggi, dice il calendario inizia l’estate, eppure tutti stamattina siamo usciti di casa col cappotto, quello che avevamo riposto finalmente riposto dopo una primavera decisamente fredda e piovosa.

Quindi addio fresche canottiere, comode, ma un tantino poco eleganti, infradito, e via con le scarpe per la pioggia. Altro che ombrelloni, rieccoci tutti con l’ombrello. Sono gli scherzi di un clima un po’ pazzerello che lascia dietro di sé parecchi danni alle coltivazioni e fiumi di inchiostro. Quello consumato dai giornali che per lo meno stavolta non lo usano per dirci che d’estate il caldo è torrido e quando il sole è forte meglio indossare capi leggeri.

Stavolta c’è da raccontare un’anomala perturbazione atlantica che l’anticiclone delle azzorre non è riuscito a fermare e che ieri a Roma ha fatto registrare una massima di appena 20 gradi contro i 26 dell’anno scorso. A fare lo spese del maltempo sono stati gli stabilimenti balneari vuoti e le prime serate dell’estate romana.

Il clima non migliorerà molto per oggi, poi però pian piano da domani si dovrebbe riaffacciare il sole mentre le temperature torneranno a salire. Ma non c’è da stare sereni perché c’è già l’esperto di turno pronto ad annunciarci l’arrivo del gran caldo. Quello torrido, con temperature record. E allora ci ritroveremo di nuovo a parlare di afa, di città infuocate, zanzare e notti insonni.

[21-06-2010]

 
Lascia il tuo commento