Giornale di informazione di Roma - Mercoledi 13 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cinema
 
» Prima Pagina » Cinema
 
 

About Elly

di Asghar Farhadi. Con Golshifte Farahani, Taraneh Alidousti, Shahab Hosseini

di Svevo Moltrasio

Una decina di ragazzi passano un week end in una villa sul Mar Caspio. Tra gli invitati la bella Elly, sconosciuta alla maggior parte del gruppo. L'atmosfera si incupisce improvvisamente proprio dopo la scomparsa della ragazza..

Il film dell'iraniano Asghar Farhadi ha ottenuto il riconoscimento per la miglior regia al festival di Berlino di due anni fa. Il ricco cast è costituito di giovani attori iraniani tra cui Golshifteh Farhani, già attrice per Ridley Scott. Il regista parte da una base narrativa solida quanto collaudata: unità di luogo e di spazio – la villa e il passare delle ore ben scandite – con piccole parentesi esterne, legate perlopiù all’arrivo dell’ultimo personaggio – il fidanzato di Elly -, che si aggiunge ad una comitiva descritta con i giusti particolari tanto da dare sostanza a tutti i ruoli.

Anche l’atmosfera che inizialmente rilassata con toni da commedia leggera, si trasforma in dramma sempre più cupo, è un espediente classico. Ma è l’ennesima dimostrazione che una grande opera prende corpo proprio grazie alla perfetta padronanza degli elementi più tradizionali. Il film di Asghar Farhadi utilizza in effetti le convenzioni, proprie della cultura occidentale, per un racconto che assume senso solo collocato nei meccanismi della cultura iraniana. Proprio da questo incontro nasce un crescendo drammatico straziante per uno spettatore conoscitore della realtà raccontata quanto per un inesperto.

Invece di seguire le traiettorie che ci si aspetterebbe – l’indagine, la ricerca – il film si trasforma nella ricostruzione di un personaggio che nasconde piccoli, e ai nostri occhi innocui, segreti sufficienti però a far crollare tutti gli altri personaggi. Così più del dramma del lutto si evidenzia quello di una giovane comunità incapace di liberarsi di preconcetti e abitudini della propria tradizione, nonostante la qualità degli individui – ragazzi dall’apparenza dignitosa della borghesia iraniana -. In tutto questo il regista dirige un cast straordinario e costruisce sequenze che colpiscono gli occhi, destinate a restare impresse nello spettatore, allo stesso modo del senso d’impotenza che alleggia sui personaggi nell’ultimo quarto di film. Grossomodo unanime l'indifferenza della critica italiana.

 



votanti: 1
Secondo te quanti euro merita??
 
 
 

[18-06-2010]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE