Giornale di informazione di Roma - Lunedi 11 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Tangentopoli in Regione: l'inchiesta dell'Espresso

mazzette di Storace e regalie di Marrazzo

La copertina dell'Espresso

Poco sembra essere cambiato dai tempi di tangentopoli. Il settimanale Espresso e’ in edicola col titolo di copertina: la cupola delle tangenti alla Regione Lazio, ovvero le mazzette di Storace e le regalie di Marrazzo.

Notizie che partono da un file sequestrato dai carabinieri all’ex assessore regionale Giulio Gargano, che recentemente ha patteggiato 4 anni e 4 mesi di carcere per il suo coinvolgimento nella maxi truffa alla sanita’. Nel file, che sarebbe dovuto essere recapitato al suo ex compagno di partito e ex governatore francesco storace, c’e’ una minuziosa lista di tangenti e referenti.

In ballo un po’ tutti, dallo stesso storace, all’attuale sottosegretario dell’Udeur Marco Verzaschi, a Giorgio Simeoni, per il quale la camera ha negato il consenso a procedere. Ma non solo. L’intero sistema risulta corrotto. In occasione del bilancio regionale ai tempi di storace c’erano 700 mila euro che ogni consigliere poteva gestire. 350 sotto la giunta Marrazzo. Soldi utilizzati a discrezione per aiutare enti, associazioni o eventi. Ma spesso i contributi servirebbero per mascherare finanziamenti a partiti e a campagne elettorali personali. Un giochetto da ragazzi, come il milione di euro finanziato a un’associazione pro Amazzonia voluto da un consigliere rosso-verde.

Ma il grosso delle cifre del file di Gargano, che sul computer era stato nominato “torax”, riguarda gli appalti. Non solo cliniche e ospedali. Le tangenti sarebbero state percepite per l’appalto regionale del tarsporto pubblico alla sita, per la gestione delle puilizie e della sicurezza alla sede della pisana, o per la realizzazione della Roma-Formia, della Roma-Valmontone o ancora della tangenziale dei Castelli Romani.

 
 

[02-03-2007]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE