Giornale di informazione di Roma - Domenica 17 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Teatro Roma
 
» Prima Pagina » Cultura Roma » Teatro Roma
 
 

Passaggi segreti

Arrivata alla XIV edizione la manifestazione di spettacoli teatrali itineranti

Di Giuseppe Duca

“Passaggi Segreti”, la manifestazione di spettacoli teatrali itineranti all’interno dei luoghi e siti storici di Roma, arrivata alla XIV edizione, è ormai una realtà radicata e riconoscibile nel panorama artistico della Capitale, un punto di riferimento per i cittadini romani e stranieri che la scelgono quando cercano un prodotto di alta qualità che coniuga la Cultura con lo svago. Il progetto quest’anno vuole cogliere l’occasione della “Giornata Mondiale del Rifugiato” che si celebra il 20 giugno per portare all’attenzione del grande pubblico il popolo dei rifugiati politici e il tema dell’integrazione fra la cultura del paese ospitante e quella di appartenenza, mettendo in scena un’originale rielaborazione dell’Eneide. L’adattamento dello scritto virgiliano, firmato da Roberto Marafante, delinea in Enea un personaggio già moderno nelle sue tante sfumature e nella sua virile accettazione del dovere. Un uomo che ha il volto dei tanti sfuggiti da guerre, conflitti, persecuzioni e violenze che ancora oggi affliggono molti paesi, esuli coatti in cerca di una nuova vita e di una casa in cui sentirsi protetti e al sicuro. Questa particolare rivisitazione troverà il suo corrispettivo architettonico nel Foro di Augusto e teatro naturale dell’opera saranno i monumenti che magnificarono la grandezza di Ottaviano, giunti imponenti e suggestivi fino a noi. La realizzazione del progetto teatrale nell’area archeologica del Foro acquista così particolare importanza e un significato che suggella il personaggio di Enea come eroe e progenitore del popolo romano e quindi come mitico fondatore della Gens Julia di Augusto.

“Una metafora di grandezza dunque – spiega il regista - un alter ego dell’imperatore Augusto che nella trama narrativa si sdoppia a sua volta: Enea diventa il giovane ‘esiliato’ in cerca di patria e il vecchio narratore di gesta, visionario ed evocativo. Frammenti come schegge, illuminazioni, assaggi, distillazioni di umori, del più grande Poema della latinità. Se una “odissea” è sinonimo di un avventuroso viaggio verso la conoscenza, allora una ‘eneide’ diviene sinonimo di un drammatico viaggio alla ricerca di una terra: è l’emigrazione di un popolo, la sua lotta per l’integrazione, la speranza di creare una nuova cultura. E il Popolo Romano è una stirpe nata dalla fusione di mille culture e pagata con il prezzo della tragedia, dell’amore, del sangue”.

Lo spettacolo teatrale è itinerante all’interno del Foro di Augusto e debutterà proprio nella Giornata Mondiale del Rifugiato, il 20 giugno, in collaborazione con L’Associazione Centro Astalli, ovvero il Servizio dei Gesuiti per i rifugiati in Italia. Il più importante evento volto a sensibilizzare il grande pubblico sul tema dei rifugiati e dell’integrazione fra i popoli, la Giornata Mondiale del Rifugiato, è celebrata ogni anno in Italia da decine di enti locali, organizzazioni non governative e associazioni fra cui il Centro Astalli, che organizza per l’occasione attività e iniziative specifiche. “Come le pietre del Foro che accoglie lo spettacolo sono i resti della grandezza dell’Imperatore che lo ha voluto – conclude Marafante - così le parole di Virgilio sono frammenti lasciati da ricomporre al nostro sentimento, perché la coscienza ne abbia memoria”.                                                                                                                                                          

Interpreti della pièce saranno Maurizio Di Carmine, Massimiliano Benvenuto, Pierpaolo De Mejo, Martino Duane, Francesco Acquaroli, Alessio De Caprio, Pia Engleberth, Silvia Salvatori, Francesca Romana Succi, nonché i danzatori Giuseppe Di Mauro, Osvaldo Manfredi, Danilo Simone Miconi, Luca Migliorese, Gabriele Seminara e Niccolò Squitti. Lo spettacolo si avvale delle musiche di Marco Schiavoni, dei costumi di Massimo Marafante e resterà in scena fino all’1 agosto, tutte le settimane dal giovedì alla domenica, con prenotazione obbligatoria del biglietto.

[14-06-2010]

 
Lascia il tuo commento