Giornale di informazione di Roma - Sabato 16 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Ardea: annega bimba di 8 anni

era andata al mare con i genitori

la disperazione della mamma Tragedia sulla spiaggia libera di Ardea: Yuliana, una bambina bulgara di otto anni è annegata nel pomeriggio di domenica sul litorale romano, davanti alla spiaggia libera della Salzare, vicino al fosso della Moletta, ad Ardea. Il corpicino è rimasto lì per tre ore in attesa dell'arrivo della polizia mortuaria. Chi non si è accorto della tragedia ha continuato a prendere il sole e a fare il bagno cone se nulla

La bimba era andata in spiaggia con i genitori, due cittadini bulgari che da tempo abitano ad Ardea ed era entrata in acqua poco prima delle 16. I genitori però ad un certo punto l'hanno persa di vista e hanno cominciato a cercarla. La bambina avrebbe avuto un arresto cardiaco immediato dopo aver ingerito dell'acqua.

Tutto è successo in pochi attimi, in una zona vietata alla balneazione perché nelle vicinanze sfocia un piccolo corso d'acqua, il fosso della Moletta. Ma il cartello dei divieti è ignorato e, soprattutto alla domenica, l'arenile si affolla di bagnanti.

Il corpo della piccola è stato notato da un ragazzo di 20 anni, che nuotava nello stesso tratto di mare e che l'ha subito portato a riva. Sulla spiaggia, in attesa dell'eliambulanza del 118 giunta da Roma, sono state tentate varie tecniche di rianimazione ma per la piccola non c'è stato nulla da fare. La Squadra Nautica del Commissariato di Anzio ha partecipato ai soccorsi e poi ha ascoltato i due affranti genitori, che non sapevano darsi pace, ma che hanno confermato di aver perso di vista per pochi momenti la figlia, senza più riuscire poi a localizzarla.

Sarà dato entro oggi il nulla osta per la sepoltura della piccola Yuliana, la bambina di 8 anni. Il medico legale infatti ha ritardato per il traffico intenso di chi la domenica va al mare. Disperati i genitori e la sorella di 15 anni, come la numerosa famiglia e gli amici della comunità bulgara di Ardea. Molti di loro erano ieri sulla spiaggia libera per una domenica di svago che si è tramutata in tragedia.

[14-06-2010]

 
Lascia il tuo commento