Giornale di informazione di Roma - Lunedi 18 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Crollo di Ventotene. Dieci indagati

tra gli indagati anche il sindaco Assenso

A poco più di un mese dal crollo, forse prevedibile, della parete di tufo della spiaggia di cala Rossano che ha causato la morte di due giovani studentesse di Vermicino arrivano i primi indagati dell'inchiesta della procura di Latina. Sono dieci persone e tra questi c'è anche l'attuale sindaco di Ventotene Giuseppe Assenso e il precedente Vito Biondo, tutti sono indagati per duplice omicidio colposo e lesioni gravi.

Questo è il primo passo dell'inchiesta sulla morte delle due studentesse romane, Francesca Colonnello e Sara Panuccio, schiacciate da blocchi di tufo sulla spiaggia di cala Rossano il 20 aprile scorso.

Tra gli altri indagati ci sono tecnici e dirigenti della regione oltre che del comune di Ventotene. Il perito nominato dalla procura sarà convocato domani.

"Sono tranquillo, ho fiducia nella magistratura che farà le proprie indagini". Così il sindaco di Ventotene Giuseppe Assenso commenta la notizia dell'inchiesta della procura di Latina che lo vede indagato per la morte delle due studentesse romane Francesca Colonnello e Sara Panuccio. Il sindaco conferma di aver ricevuto dalla procura l'invito a nominare un consulente nell'accertamento tecnico non ripetibile che sarà effettuato sulla spiaggia dell'isola teatro della tragedia. Destinatari del provvedimento anche un tecnico del Comune e il predecessore di Assenso, l'ex primo cittadino Vito Biondo. "È un provvedimento tecnico - aggiunge il sindaco - Nominerò il consulente, ma ho fiducia nella magistratura".

 
 

[25-05-2010]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE