Giornale di informazione di Roma - Sabato 16 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Politica Roma
 
» Prima Pagina » Politica Roma
 
 

Assemblea nazionale Pd

Bersani ''non abbiamo interpretato disagio Paese''

Il segretario del pd Bersani fa autocritica: il partito non avrebbe interpretato a pieno il disagio del paese, sarebbe questa la causa del risultato negativo ottenuto nelle scorse elezioni regionali.  Pierluigi Bersani, nel suo discorso d’apertura all’assemblea nazionale del partito, spiega come sia necessaria l’unità all’interno del pd per ottenere consensi.

"Per quante sfumature possiamo usare per interpretare le elezioni regionali è incontrovertibile che non siamo ancora riusciti ad interpretare il disagio e l'inquietudine profonda del Paese. Per organizzare la riscossa non ci aiuta fare dei girotondi su noi stessi e discutere solo di noi e con parole che solo noi comprendiamo e ci allontanano dal senso comune. Ma bisogna portare il Pd direttamente al cuore dei problemi degli italiani, lavorando tutti insieme in un partito plurale ma corale e capace di essere stimato ovunque.

Il programma del partito democratico riparte da legalità, riforma delle istituzioni, università e ricerca, lavoro e giustizia, Bersani non può far a meno poi di parlare del disegno di legge alfano sulle intercettazioni.

"Di fronte alla norme del centrodestra sulle intercettazioni per l'opposizione è doverosa ogni pratica ostruzionistica. La giusta esigenza di eliminare l'abuso delle intercettazioni e la loro conseguente diffusione, si sta ribaltando in norme che danneggiano gravemente le indagini e - sottolinea Bersani- mettono un bavaglio all'informazione sconosciuto a ogni Paese democratico".

Sulla stabilità della leadership di Bersani, che non viene apertamente messa in discussione ma e’ minata da continue polemiche interne, sia gentiloni che realacci prendono tempo.

"E' ancora presto, le elezioni sono lontane - spiega Ermete Realacci - certo che se si dovesse arrivare ad elezioni anticipate il leader naturale per affrontare Berlusconi sarebbe Pierluigi Bersani".

Anche a livello territoriale il partito deve fare autocrita, questa è l’analisi di Alessandro Mazzoli, segretario regionale.

"Il partito democratico sia a livello nazionale che a livello territoriale -dice Mazzoli- e locale deve mettere in campo una forte iniziativa politica per rendere chiaro che noi ci muoviamo su un altra lunghezza d'onda. Noi vogliamo fare della coesione sociale, dell'unità del Paese le chiavi per ricostruire una possibilità di crescita e di futuro".

[21-05-2010]

 
Lascia il tuo commento