Giornale di informazione di Roma - Venerdi 15 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Sequestrati immobili ai Casamonica

dal 2010 sigilli a 20 fabbriccati irregolari

Altri due immobili abusivi sono stati sequestrati dai carabinieri al clan dei Casamonica. Il clan, di origine nomade, conta più di 500 elementi, stanziatosi dal dopoguerra a Roma, ai Castelli Romani e nel litorale laziale.

Nel corso di mirati accertamenti nel Comune di Ciampino è stato localizzato un altro terreno di proprietà di un appartenente al clan, sul quale erano in corso di ultimazione due abitazioni, in parte già rifinite, in area sismica, in contrasto con i vincoli idrogeologici, archeologici e paesaggistici.

L'abuso edilizio, accertato dai carabinieri della locale Tenenza con il supporto di personale della Polizia Locale e dell'ufficio tecnico comunale, ha portato al sequestro dei due immobili e delle rispettive pertinenze, con l'apposizione dei sigilli, ed alla denuncia per realizzazione di opere edilizie abusive del proprietario. Ulteriori approfondimenti hanno consentito di accertare che l'intero terreno, di proprietà del denunciato, di circa 3.000 mq, era stato lottizzato abusivamente al fine di consentire nel tempo la realizzazione degli immobili rilevati, pertanto il proprietario è stato denunciato anche per lottizzazione abusiva.

Proprio due giorni fa, a Vermicino, in via Tuscolana Vecchia, sempre i carabinieri hanno fatto abbattere un manufatto, realizzato dai Casamonica su un terreno non di loro proprietà. Dall'inizio dell'anno sono stati 20 i fabbricati, manufatti abusivi sequestrati dai carabinieri agli appartenenti al clan Casamonica: una villa, con giardino e piscina per circa 500 m², in zona Borghesiana; 10 appartamenti, sempre alla Borghesiana, un'abitazione a Ciampino, tre villini demoliti in via XXII Rubbie a Frascati, 4 manufatti abusivi, nel comune di Ciampino.

[21-05-2010]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
 
 
 
 
  • I video della notizia