Giornale di informazione di Roma - Lunedi 18 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cinema
 
» Prima Pagina » Cinema
 
 

Nightmare

di Samuel Bayer. Con Jackie Earle Haley, Rooney Mara

di Svevo Moltrasio

Nella provincia americana un gruppo di ragazzi è sconvolto da una serie di incubi che hanno sempre lo stesso protagonista: un uomo sfigurato in volto, con lame alle mani e un maglione a strisce. Scopriranno che le violenze subite nei sogni si ripercuotono nella realtà.

A distanza di ventisei anni dalla prima apparizione torna in sala Freddy Krueger, mitico protagonista della saga NIGHTMARE, capo saldo dell’horror anni ’80. Dopo le diverse derive prese dai numerosi capitoli che si sono succeduti negli anni, questa volta si ricomincia: come lascia intendere il titolo, siamo di fronte ad un vero e proprio remake del primo episodio. Cambia completamente la squadra e per la prima volta ad interpretare il temibile mostro non c’è Robert Englund, sostituito da Jackie Earle Haley.

La moda del remake, ormai detto reboot con tanto di riavvio del franchise, è ormai una costante ad Hollywood, e i film horror sono tra i più gettonati, con risultati quasi sempre deludenti, in termini di accoglienza sia critica che, cosa più importante, del grande pubblico. Difficile ricreare il fascino di film che visti oggi appaiono un po’ invecchiati ma che ancora si lasciano apprezzare per le idee narrative e visive. Riprendere storie e situazioni ormai abusate e metterle in scena con gli effetti aggressivi ed elementari dell’horror contemporaneo, crea una contaminazione deleteria.

Non fa eccezione questa nuova versione del mostro degli incubi. La regia di Samuel Bayer è inadatta, soprattutto nella resa visionaria dei sogni, e appiattisce tutta la prima parte in attesa del districarsi della storia. La trama è più ricca rispetto all’originale, approfondendo le origini di Krueger con tanto di sostanziosi flash back. Proprio per questo la vicenda accumula diverse incongruenze, colpa anche di alcune novità – con qualche morte più ad effetto, come quella in carcere – che instupidiscono il baraccone. Il make-up sul viso bruciato del mostro, qui più realistico, è un altro punto a sfavore. Meglio mettere su un vecchio dvd.

 


Secondo te quanti euro merita??
 
 
TAG: - bayer - haley - remake - horror
 

[19-05-2010]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE