Giornale di informazione di Roma - Martedi 12 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Politica Roma
 
» Prima Pagina » Politica Roma
 
 

Bilancio comunale: ''2010, anno orribile''

lo ha annunciato il sindaco Alemanno

Bilancio comunale, chi l'ha visto? Un'anticipazione dell'anno che sarà la dà il primo cittadino di Roma, durante la prima festa della Polizia municipale: "Il 2010 sarà un anno orribile non solo per il problema del debito ereditato, ma anche sul piano dell'equilibrio tra entrate ed uscite". Dunque non solo il debito a gravare sui conti della Capitale ma, a quanto pare, anche il deficit annuale.

La maggioranza - Per Federico Guidi del Pdl, presidente della Commissione Bilancio del Comune, "va apprezzata la schiettezza del sindaco che ha espresso una posizione trasparente in ordine alle oggettive difficoltà dovute alla congiuntura economica internazionale e al difficile momento che sta passando non solo l'Italia ma anche l'Europa", "a differenza di altri che hanno nascosto la polvere sotto il tappeto", ha concluso Guidi.

L'opposizione - Ma per il coordinatore del Pd di Roma Marco Miccoli la lettura delle dichiarazioni del sindaco è diversa: "E' incredibile come Alemanno appena un mese fa nel corso delle solenni conferenze stampa per i due anni dalla sua elezione, dichiarasse che il 2010 per Roma sarebbe stato l’anno della svolta e invece oggi ammetta candidamente che il 2010 sarà un anno orribile. Riesce a far passare la città che amministra dal paradiso all’inferno in appena 30 giorni".

Bilancio di previsione
-  Al riguardo del bilancio di previsione 2010 del Comune, la cui mancata approvazione ha scatenato le proteste dei minisindaci di centrosinistra, il sindaco Alemanno ha spiegato: "E' necessario che i 500 milioni di euro annuali dallo Stato - previsti nel piano di rientro del debito di 9,6 miliardi di euro - diventino strutturali e non previsti di volta in volta nelle manovre finanziarie".

Tariffa sui rifiuti - "Siamo contrari all'aumento di tasse e tariffe". Lo ha affermato, in una nota, Umberto Marroni, capogruppo del Pd al Comune di Roma.  "In un momento di grave crisi economica la Giunta Alemanno anche contro le indicazioni dell'authority aumenta le tariffe per i rifiuti. Il primo cittadino annuncia un anno orribile. Sull'orribile siamo d'accordo ma gli anni sono già due, a causa della sua giunta e della situazione di immobilismo causata dalla scelta sbagliata di rinviare l'approvazione del bilancio arrivando a mettere le mani nelle tasche dei romani".

Per le utenze domestiche, è previsto un aumento medio del 9,8%, che, per il presidente della commissione Ambiente capitolina Andrea De Priamo, "sarà compensato per via della restituzione dell'Iva (10%) che non sarà più a carico del cittadino": questo quanto stabilito da una sentenza della Corte costituzionale.
 
 

[16-05-2010]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE