Giornale di informazione di Roma - Sabato 16 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Politikamente
 
» Prima Pagina » Politikamente
 
 

Scajola si dimette, Fini contro il premier

governo Berlusconi sempre più debole

Silvio Berlusconi La crisi all’interno del Pdl non finisce mai di stupire, le dimissioni del ministro dello sviluppo economico Claudio Scajola hanno aperto una ferita ancora più profonda dentro una maggioranza che in questo momento lavora in mezzo a due fuochi. Tra una crisi economica da risolvere per rispettare il patto elettorale con i cittadini e le varie divisioni annunciate da tempo che hanno già messo in pericolo la leadership berlusconiana.

Un quesito nasce spontaneo, è giunta l’ora di dare “l’estrema unzione” alla forte maggioranza di governo tanto elogiata dal Premier? Senza dubbio i numeri dicono che Berlusconi può governare fino al 2013, ma in questi casi la maggioranza e fiducia politica hanno un peso grosso come un macigno; in un anno la vita all’interno dell’esecutivo è cambiata a tal punto che la terza carica dello Stato si è schierata contro il Presidente del Consiglio.

La Lega di Bossi spinge sempre di più per le riforme fra le quali il tanto acclamato federalismo che il leader del carroccio invoca da quando è sceso in politica e nonostante le varie smentite dei vari esponenti di destra, rimane sempre la grande incognita del Cavaliere. Da ultimo le dimissioni di un ministro che, coinvolto in una grossa inchiesta giudiziaria, sta facendo tremare la squadra di Governo. La sinistra gongola, prepara il carro funebre all’esecutivo e spera che si torni alle elezioni anticipate.

Marco Chinicò

[11-05-2010]

 
Lascia il tuo commento