Giornale di informazione di Roma - Martedi 12 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cinema
 
» Prima Pagina » Cinema
 
 

Draquila - L'Italia che trema

di Sabina Guzzanti

di Rosario Sparti

"Trema l’Italia. Per i privilegi di pochi, per le leggi ad personam, per l’appropriazione indebita dei fondi pubblici, per la corruzione, per le caste, per i servizi negati ai cittadini, per la speculazione edilizia. Trema e si sgretola lentamente. Non restare a guardare. Dai una scossa al cambiamento. Il diritto di espressione è il cemento della democrazia." Parole della regista che illustrano bene il contenuto della sua nuova opera.

La tragedia del L’Aquila è al centro della nuova docu-fiction di Sabina Guzzanti, evento speciale dell’imminente Festival di Cannes, nuovo tassello della sua opera di regista civile. Al centro di questa indagine risulta avere un ruolo chiave la Protezione Civile che, equiparando sostanzialmente emergenze e grandi eventi, sotto la pressione propagandistica del Premier trasforma la tragedia in un laboratorio per la creazione del consenso.

Sfilano davanti ai nostri occhi una serie d’immagini a noi tristemente già note, ma che nell’accumulo trovano nuovo senso e ancora più forza emozionale. In maniera simile a FAHRENHEIT 9/11 qui sono le vittime ad essere protagoniste della pellicola, ciò è reso evidente, nella parte conclusiva  dell’opera, dall’uso delle telefonate ai numeri d’emergenza da parte dei cittadini che assistono in diretta alla distruzione delle case, telefonate d’aiuto spesso rimaste senza risposta.

La regista, a differenza del suo VIVA ZAPATERO, sceglie di restare nell’ombra, lasciando parlare le immagini e le interviste agli aquilani, differenziandosi così anche dal suo modello Michael Moore. Senza risparmiare fendenti da ambedue le parti politiche, ci viene mostrato come ancora una volta sulle spalle dei cittadini si situano giochi politici che hanno come unico fine la ricerca ed il consolidamento del potere. Niente di nuovo qualcuno dirà,  parole giuste ma che non bastano a cancellare la forza d’un film dall’intenso impegno civile.

 


Secondo te quanti euro merita??
 
 
TAG: - guzzanti
 

[06-05-2010]

 
Lascia il tuo commento