Giornale di informazione di Roma - Mercoledi 13 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Tecnologie
 
» Prima Pagina » Tecnologie
 
 

eBay. Conviene ancora?

 Notizie preoccupanti giungono da eBay. Il 30 Aprile eBay ha comunicato a tutti i venditori che dal 20 Maggio ci sarà un rialzo delle tariffe di vendita e delle percentuali sulla commissione finale di vendita. Tutto questo porta  a svantaggiare anche gli acquirenti che vedranno lievitare i prezzi di vendita. Già con l’introduzione di Paypal , metodo di pagamento sicuro, il venditore era costretto a pagare una commissione finale due volte, sia ad eBay sia a Paypal. E ricordiamo che Paypal fa parte di Ebay Corp. , quindi perché pagare due volte la stessa “persona”?

La commissione finale sul prezzo finale di vendita si porta al 9,5% fino ad un massimo di 47,50, se si raggiungono o si superano i 500 euro. Tutto questo porta ad un inevitabile danno per tutti gli acquirenti di prodotti informatici ed elettronici i cui acquisti, generalmente, non superano i 500 euro.  Volendo fare un esempio se acquistiamo un prodotto a 250 euro, la commissione del venditore è di 23,75 euro, e a questi va aggiunta la commissione che Paypal percepisce se per il pagamento si sceglie tale metodo. Al venditore a questo punto rimane un margine di guadagno sempre più ridotto.

La politica di eBay sembra propendere, guardano queste nuove tariffe, verso un marketplace incentrato sul “compralo subito”. In quest’ultimo caso infatti l’incremento delle tariffe è minore se visto in valore assoluto.
Fino a qualche anno fa eBay era un ottimo sito per acquistare on-line con un discreto risparmio. Oggi ci sono numerosi siti e-commerce dove si trovano sconti e vantaggi rispetto ad un acquisto effettuato in negozio.

Il mio consiglio è quello di scandagliare bene la rete per trovare il prezzo migliore e risparmiare davvero. eBay con queste scelte farà lievitare i prezzi inevitabilmente e i vantaggi di compravendere sul sito e-commerce più famoso al mondo potrebbero scomparire.

Per consigli o segnalazioni scrivete a: tecknologie@corriereromano.it
Stefano Soriano

[03-05-2010]

 
Lascia il tuo commento