Giornale di informazione di Roma - Mercoledi 13 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cinema
 
» Prima Pagina » Cinema
 
 

Gli amori folli

di Alain Resnais. Con André Dussollier, Sabine Azéma

di Rosario Sparti

Marguerite esce da un negozio di scarpe e subisce il furto della borsa. Georges trova il suo portafoglio per terra, nel parcheggio di un centro commerciale e comincia a fantasticare su di lei, ancora prima di contattarla, senza conoscerla. Il desiderio di questa donna che fa la dentista e il pilota di aerei leggeri è così forte che riempie la sua vita di padre di famiglia e di marito di pensieri e azioni irrazionali. Marguerite resiste, ma per poco. È una corsa verso l'errore, piena di vita, inarrestabile.

Alain Resnais, ormai quasi novantenne, abbandona le atmosfere algide di CUORI per consegnarci un opera folle come l’amore che racconta, ricca di virtuosismi e acrobazie narrative.  Adattando un romanzo di Christian Gailly, il regista francese da forma all’originale scrittura del libro recuperando lo sperimentalismo narrativo di sue celebrate opere come L’ANNO SCORSO A MARIENBAD o MON ONCLE D’AMERIQUE.

Una passione irrazionale che trascina i bravi André Dussolier e Sabine Azèma, coppia ormai attempata, in un vortice d’emozioni che finirà per travolgerli. In un incrociarsi di realtà non lineari, di sovrapposizioni temporali, i personaggi in balìa del caso cercano di mettere freno ai propri pensieri che sembrano condurli verso il sogno, verso la ricerca d’un qualcosa che potrebbe forse esistere ma che nella sua aleatorietà va verificato.

Il regista cerca di visualizzare queste voli pindarici dei protagonisti, attraverso bizzarre scelte registiche che ammaliano lo spettatore, finendo però per essere talvolta non del tutto a fuoco.  Il film si fa amare per la sua freschezza e originalità ma al tempo stesso deraglia in parte, finendo per stordire lo spettatore. In ogni caso non si può non apprezzare lo humour e lo spirito positivo con il quale il regista francese, dall’alto della sua esperienza, ci fa entrare nella storia lasciandoci poi uscire dal cinema aperti alla speranza.

 

 


Secondo te quanti euro merita??
 

[29-04-2010]

 
Lascia il tuo commento