Giornale di informazione di Roma - Domenica 17 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Politica Roma
 
» Prima Pagina » Politica Roma
 
 

Due anni di Alemanno

è tempo di bilanci, dai un voto al sindaco

Esattamente due anni fa Gianni Alemanno veniva eletto sindaco di Roma è festeggiava la sua elezione dalla finestra del Campidoglio, a questo punto è tempo di bilanci, sia per il centrosinistra che per il centrodestra.

Per l'amministrazione capitolina non potrebbe esserci stato bilancio migliore "Sono stati due anni di lavoro contro la crisi", dice Alemanno. Un modo per evidenziare che i risultati sono stati raggiunti nonostante le difficoltà contingenti. In Campidoglio Alemanno e giunta al completo (mancava solo l'assessore alla Cultura Croppi) hanno voluto illustrare quanto fatto nei primi 48 mesi di governo.

Il sindaco ha elencato uno dopo l'altro i settori nei quali si è intervenuti: dalla sicurezza al decoro, il sindaco ricorda le ordinanze contro la prostituzione e contro i lavavetri e la dotazione di armi ai vigili urbani. Alemanno ricorda anche lo sgombero del campo nomadi Casilino 900 e quello di 281 abbattimenti tra accampamenti e baracche abusive. Per quanto riguarda la metro con la B1-Conca D'Oro, i lavori procedono e dovrebbero finire nel 2011 e la C Pantano - San Giovanni che dovrebbe essere inaugurata nel 2013.

Riguardo all'ambiente il primo cittadino ha ricordato la situazione dell'Ama passata da un indebitamento di oltre 900 milioni ad un attivo di 1 miliardo. Altra questione importante è quella della casa: il Comune prevede un reperimento di 25.700 alloggi di cui 6.000 riservati all'edilizia residenziale pubblica.

DAI UN VOTO AD ALEMANNO

L'OPPOSIZIONE - Per il Pd capitolino Alemanno ha fallito: sia sul piano nomadi che sulla politica della sicurezza (punto vincente in camapgna elettorale) e sulla lotta al degrado , secondo il Pd la città è lasciata alla sporcizia e all'incuria. Insomma secondo l'opposizione capitolina il governo Alemanno, dopo due anni di governo, brancola nel buio tra confusione ed immobilismo.

"Dopo due anni -dice il capogruppo del Pd Umberto Marroni- l'amministrazione Alemanno ha fallito sulla sicurezza con tante promesse e pochi fatti. Per non parlare della lotta al degrado: avevano detto che avrebbero migliorato la città e invece vediamo una miriade di cartelloni selvaggi, per non parlare poi delle buche e della manutenzione stradale. Soprattutto Alemanno ha fallito sulla crisi economica -comtimua Marroni- nessun intervento a favore delle imprese. Marroni punta il dito anche contro una maggioranza capitolina, ultimamente un po' "ballerina" e che ancora non ha portato all'approvazione del bilancio 2010. "In Campidoglio ci sono ormai dei dissidenti organizzati nel Pdl, l'altro giorno il consiglio comunale la maggioranza è andata sotto. Quindi diciamo che questa divisione della maggioranza e la mancanza progettuale su Roma sono le due grandi crisi di questa giunta Alemanno e soprattutto il problema del bilancio 2010 che ancora non è stato approvato e sta bloccando la città".

IL BILANCIO DELL'OPPOSIZIONE

LA VIGNETTA

 
 

[29-04-2010]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE