Giornale di informazione di Roma - Lunedi 11 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Teatro Roma
 
» Prima Pagina » Cultura Roma » Teatro Roma
 
 

Nasce Eliseo 2.0

da settembre una web tv per il teatro di via Nazionale

"Per una volta non siamo qui a parlare di crisi, ma di un nuovo approccio al futuro del teatro". Così  Massimo Monaci, direttore dell'Eliseo di Roma, lancia la nuova sfida del suo teatro: il debutto su internet di “Eliseo 2.0” , web tv che porterà in rete ogni evento e spettacolo della sua prossima stagione. "L'idea - spiega Monaci - è di coinvolgere quante più persone alle nostre iniziative, ma anche far uscire il teatro in generale da quell'arroccamento borghese che viene percepito soprattutto dalle nuove generazioni". La nuova web tv, che sarà regolarmente on line da settembre, non trasmetterà spettacoli in streaming ("la messa in scena in tv perde moltissimo", spiega il direttore), ma contenuti dedicati, riprese delle presentazioni, interviste, incontri, prove di compagnia, con uno spazio per l'interattività con gli utenti, attraverso blog e commenti. Un primo esperimento è già partito. In collaborazione con Rai Net, le web cam disseminate all'Eliseo stanno infatti trasmettendo quotidianamente la nascita di "Napoletango", spettacolo scritto e diretto da Giancarlo Sepe che debutterà il 18 giugno al Napoli Teatro Festival Italia e sarà in cartellone all'Eliseo nella prossima stagione.

Dai provini del 30 marzo alla prima selezione di 34 ballerini-attori (su 400 candidati), fino al lungo laboratorio che porterà alla selezione finale dei 15 interpreti: su www.napoletango.com lo spettatore può già "spiare" la costruzione dello spettacolo. "Senza alcuna pubblicità in pochi giorni abbiamo già registrato 5mila contatti e 15mila visite, con un tempo medio di connessione di 7-8 minuti", racconta fiducioso Monaci. Se Sepe ha sempre fatto della ricerca e della sperimentazione la finalità del suo lavoro, potrebbe però non essere egualmente facile convincere altri registi e attori ad essere spiati nel delicatissimo momento delle prove. "Valuteremo caso per caso - conclude Monaci - Al limite, sceglieremo alcuni momenti da trasmettere poi in differita".

[27-04-2010]

 
Lascia il tuo commento