Giornale di informazione di Roma - Lunedi 18 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Ultimo saluto a Sara e Francesca

in migliaia ai funerali delle due quattordicenni

"Francesca e Sara per sempre le nostre stelle", così recita lo striscione dei compagni di scuola di Sara Panuccio e Francesca Colonnello, le due quattordicenni della scuola "Anna Magnani" di Morena, alle porte di Roma, morte nel corso di una gita scolastica a Ventotene, sulla spiaggia di Cala Rossano, in seguito al crollo di un costone di roccia.

Lo striscione campeggia sul cancello d'ingresso della chiesa parrocchiale di Sant' Anna, a Morena; a lato le corone di fiori, tra le quali quelle del Comune di Roma e della Provincia. Una foto che ritrae insieme le due ragazze è stata affissa sul portone della chiesa. All' interno, le bare bianche circondate da fiori, sopra alcuni peluche, bigliettini, le magliette dell'oratorio e, su quella di Francesca, un cappellino della Croce Rossa. Sul feretro di Sara un paio di occhiali da sole.

Le esequie si sono svolte alle 16, per permettere alla famiglia della mamma di Sara, originaria di Santo Domingo, di giungere a Roma. Al termine della cerimonia un momento toccante: uno dei catechisti ha tracciato un breve ricordo di Sara e Francesca; il padre di Francesca ha ringraziato la comunità di Morena, le forze dell' ordine tutte e i volontari ricordando come "La vita non ci ha tolto Sara e Francesca, ce le ha donate".

IL LUTTO CITTADINO DI ROMA - I politici non erano graditi ai funerali e le polemiche sull'apertura della spiaggia continuano ma il sindaco di Roma Gianni Alemanno aveva comunque indetto lutto cittadino. "Questa per noi è una giornata molto triste. Roma ha voluto dedicare il lutto cittadino al fatto che due bambine non possono morire, e soprattutto non possono morire quando sono affidate a istituzioni pubbliche». Il sindaco ha poi promesso: «Bisogna intensificare tutti gli sforzi per aumentare i livelli di sicurezza soprattutto in queste circostanze, oltre a dare una punizione esemplare ad eventuali responsabili". Il consiglio provinciale di Roma su proposta della presidente Maturani, prima dell'inizio dei lavori di venerdì mattina, aveva osservato un minuto di silenzio.

POLEMICHE SULLA SICUREZZA - È un'inchiesta ancora senza indagati quella aperta dalla procura di Latina per duplice omicidio colposo e lesioni gravi dopo il crollo della roccia di tufo che ha ucciso Sara Panuccio e Francesca Colonnello. Sono le fonti investigative a precisarlo. Ma le indagini, coordinate dal sostituto procuratore Vincenzo Saveriano e condotte sull'isola dai carabinieri, proseguono. L'obiettivo della procura di Latina è quello di avviare accertamenti sulla legislazione della materia e verificare l' eventuale precedente segnalazione di rischi sulla spiaggia di Cala Rossano, teatro della tragedia. Nei giorni scorsi i carabinieri hanno acquisito i primi documenti al Comune di Ventotene, mentre la procura ha nominato come consulente il geologo Massimo Amodio. Intanto sull'isola, dopo la firma di due ordinanze di somma urgenza da parte del sindaco, sono stati aperti alcuni cantieri per la messa in sicurezza di un tratto di Cala nave e del porto romano.

 
 

[23-04-2010]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE
 
 
 
 
 
 
 
  • I video della notizia
  • "L'ultimo saluto alle vittime di Ventotene"
 
 
  CORRELATE