Giornale di informazione di Roma - Venerdi 15 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Brevi di Cronaca
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma » Brevi di Cronaca
 
 

Bidella presta soldi a strozzo, arrestata

Una bidella romana di 47 anni è stata arrestata perchè concedeva prestiti usurai: dovrà rispondere dei reati di usura e estorsione in danno di una sua collega. L'hanno arrestata gli agenti della polizia di Stato in flagranza di reato dopo la denuncia della vittima. Nei giorni scorsi, la dipendente di un istituto scolastico ha denunciato ai poliziotti del Commissariato Prenestino di essere rimasta vittima di usura ed estorsione da parte di una conoscente. La donna ha raccontato che la sua vicenda è iniziata a marzo quando ha confidato alla collega 'strozzinà di avere un problema economico la quale si è offerta di aiutarla, con un prestito attraverso una terza persona, di 600 euro a patto che la restituzione avvenisse entro 10 giorni con una maggiorazione di 120 euro. Non essendo riuscita ad onorare il debito la donna ha ottenuto una proroga al termine della quale avrebbe dovuto pagare 1300 euro altrimenti le avrebbero potuto bruciare l'autovettura o sottoporla a violenze fisiche. Gli interessi continuavano a salire fino ad arrivare a 2600 euro con scadenza il 21 aprile, giorno in cui la creditrice avrebbe portato la debitrice in banca costringendola a prelevare i soldi per il saldo. A questo punto la donna terrorizzata si è rivolta alla Polizia che ha organizzato un appostamento durante l'incontro delle due donne concordato per il pomeriggio di ieri all'uscita dell'istituto scolastico dove entrambe lavorano. La vittima ha nuovamente spiegato di non poter pagare l'intera somma e l' usuraia irritata, l'ha minacciata dicendo che la persona che le aveva prestato i soldi non avrebbe in alcun modo tollerato un ulteriore ritardo e quindi le ha chiesto monili in oro e preziosi intimandole di stare attenta perchè sarebbe finita male. Si è presa la somma di 200 euro, preventivamente segnate dagli investigatori, ribadendo che il debito era di 2470 euro. A quel punto gli agenti appostati nelle vicinanze sono intervenuti. Nella successiva perquisizione domiciliare i poliziotti hanno trovato numerosi monili in oro e documenti attestanti diverse compravendite di gioielli. Le indagini proseguono per individuare eventuali complici della donna nonchè di possibili altre vittime

[23-04-2010]

 
Lascia il tuo commento