Giornale di informazione di Roma - Mercoledi 13 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Sanita' Roma
 
» Prima Pagina » Sanita' Roma
 
 

Smog: a Roma è come fumare 12 sigarette al giorno

la pericolosità dell'inquinamento

I sacrifici per chi decide di smettere di fumare non sono a volte a pieno ripagati, succede soprattutto per chi vive in una grande metropoli come Roma, a causa dello smog e degli alti valori di livelli di polveri sottili respirare l'aria di Roma equivale infatti a fumare circa 12 sigarette al giorno. Va peggio ai fiorentini, il capoluogo toscano ha la maglia nera di questa singolare classifica con 15 sigarette al giorno.

Anche il tasso di mortalità per le malattie respiratorie è nettamente più alto nelle città dove l'inquinamento atmosferico è più concentrato. La mortalità per BPCO (Broncopneumopatia Cronica Ostruttiva) nell'area romana è incrementata del 43,4%  (dati del 1993) rispetto ai dati di circa 12 anni prima, la BPCO è una malattia polmonare progressiva, non completamente reversibile che ostruisce le vie aeree, rendendo difficoltosa la respirazione. Pazienti con BPCO, inclusi quelli con bronchite cronica ed enfisema, mostrano sintomi che vanno da tosse ed espettorato a mancanza di fiato durante sforzi anche modesti come una semplice passeggiata. 

Non va meglio per le allergie nasali, è molto intuitiva questa tabella che indica l'aumento dei casi di allergie nel nostro paese negli ultimi 20 anni, è chiaro come nelle aree urbane il numero di casi di allergie nasali siano addirittura il doppio rispetto ad una metropoli. L'inquinamento non fa male solo ai cittadini, questo incide pesantemente anche sulla spesa sanitaria regionale, nelle principali città metropolitane la spesa sanitarie per questo tipo di malattie causate dall'inquinamento atmosferico raggiunge voci milionarie.

 
 

[22-04-2010]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE