Giornale di informazione di Roma - Giovedi 14 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Qualità dell'aria, ecco lo smog di Roma

Le Pm10 sforano 151 volte nei primi 3 mesi

Per quanto gli sforamenti di Pm10 siano in leggera flessione rispetto ad un anno fa, ma a Roma continua a tirare una brutta aria. Quella che respiriamo da tre mesi a questa parte, infatti, ha oltrepassato per ben 151 volte i limiti dei i livelli delle polveri sottili registrati dalle centraline dell'Arpa sparse in città. Lo scorso anno, dopo un trimestre, ne erano state registrate cinque in più. Chi vede il bicchiere mezzo pieno potrà anche festeggiare ma, in realtà, lo smog a Roma resta un problema colpevolmente sottovalutato.

Cinecittà maglia nera della classifica: dal primo gennaio al 31 marzo i livelli delle polveri sottili hanno sforato 25 volte, seguita a ruota da largo Preneste e corso Francia (22 volte sopra i livelli) e Fermi e Tiburtina con 20.

E se continuano gli sforamenti, ovviamente continuano pure le polemiche tra amministrazione e associazioni ambientaliste.
Legambiente accusa la giunta Alemanno di sottovalutare il problema smog e di aver peggiorato la situazione. Gli sforamenti sono diminuiti per via delle abbondanti piogge e grazie agli ecoincentivi del governo che hanno permesso un ricambio della flotta di trasporto pubblico. L'assessore all'ambiente De Lillo è convinto che gli sforamneti in meno derivino da una più saggia strategia che ha evitato interventi spot concentrandosi su interventi strutturali, come, tra i tanti citati, il rinnovo degli autobus, per l'appunto, il potenziamento del car sharing, l'attivazione del bike sharing e l'installazione sui bus di speciali filtri che aspirano le polveri sottili. La situazione, dati alla mano, non è cambiata granché e, forse più di tanti altri, il problema dell'inquinamento è quello mal trattato con più continuità tra la giunta precedente e quella attuale.

 
 

[21-04-2010]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE