Giornale di informazione di Roma - Mercoledi 13 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

L'Enac: si torna a volare

a Fiumicino si tira un sospiro di sollievo

È arrivato introno alle 12 il via libera dell’Enac alla riapertura degli scali italiani. “Da tutto il Paese, compreso il nord Italia” – specificava un comunicato dell’Ente nazionale aviazione civile – potranno essere ripristinate le programmazioni dei voli verso ogni destinazione internazionale ed intercontinentale”.

Dopo l'accordo raggiunto ieri dai ministri dei trasporti dell'Unione europea, è arrivato quindi senza sorprese l’atteso sblocco dei cieli italiani. 54 sono stati i voli decollati per gli aeroporti che erano chiusi per via della nube: 22 internazionali (con Madrid e Amsterdam in testa) 32 quelli nazionali, di cui 18 verso Milano. 

Un semaforo verde accompagnato, però, da grande prudenza e da “un costante monitoraggio tecnico dei velivoli, secondo severi parametri di sicurezza” – confermava Vitaliano Turrà, direttore Enac del Leonardo Da Vinci. A limitare gli effetti della riapertura, molti aeroporti del nord Europa ancora alle prese con i timori legati alle ceneri emesse dal vulcano islandese. Alle 13, erano stati circa un centinaio i voli soppressi da e per Roma. “Solo quando ci sono le condizioni per volare in sicurezza si autorizza l'attività – aggiungevano dall’Enac.

Intanto, Fiumicino si tirava un sospiro di sollievo. Molti dei passeggeri rimasti a terra in attesa di un volo, trovavano lentamente posto nei primi decolli. E se l’impronunciabile vulcano islandese non dovesse più rilanciare le proprie emissioni, entro 48 ore potrebbe esserci il ritorno alla normalità.

 
 

[20-04-2010]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE