Giornale di informazione di Roma - Giovedi 14 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Fiumicino, 458 voli cancellati

ancora disagi, chiusura fino a domani mattina

Il disagio ai trasporti aerei causato dalla nube vulcanica che arriva dall'Islanda sembrava stesse pian piano passando. L'aeroporto internazionale di Roma-Fiumicino aveva riaperto alle 7 ma due ore dopo, verso le 9, L'Enac ha disposto una nuova chiusura dei voli. "Un nuovo stop che dovrebbe durare almeno fino alle 8 di domani.  In attesa di almeno due bollettini univoci - ha detto il presidente dell'Enac Vito Riggio - non si volerà da e per il Nord Italia almeno fino alle 8 di domani, mi dispiace, ma non possiamo comportarci in modo diverso".

Tra i primi voli che hanno aperto gli imbarchi quelli per Linate, Genova e Venezia. Sono tuttavia inevitabili ancora le ripercussioni su voli e passeggeri.

Anche se A Fiumicino fino alle 20 di domenica i collegamenti soppressi erano in totale, tra arrivi e partenze, 458. Nel dettaglio, 239 in  partenza e 219 in arrivo. Dalle 7 di oggi la situazione, così come comunicato dall'Enac, sta tornando alla normalità. Alitalia raccomanda ai passeggeri in possesso di prenotazione per i voli previsti domani da e per il Nord Italia di recarsi in aeroporto con un anticipo di almeno un'ora per i voli nazionali e di almeno 90 minuti per i voli internazionali. La società ribadisce quindi che a tutti i passeggeri coinvolti dalle cancellazioni dovute all'eruzione vulcanica viene garantito il rimborso integrale del biglietto in caso di rinuncia a voli alternativi o la possibilità di riprogrammare il volo, senza alcuna penale, entro il 31 maggio.

ALITALIA - E dall'Alitalia arriva il consiglio: non venite in aeroporto per non ingolfare ulteriormente lo scalo. Meglio informarsi via telefono e chiamare il numero verde Alitalia 800 650055 o lo 062222. Il direttore vendite di Alitalia Marco Sansavini fa sapere che stamattina da Fiumicino non è partito il 50% dei voli della compagnia, quindi almeno 20mila persone sono rimaste a terra. Il manager Alitalia consiglia quindi di chiamare la compagnia e di consultare il sito www.alitalia.it dove è stata aperta un'apposita sezione per l'emergenza nube di cenere dall'Islanda.

Sito dell'Enac

 
 

[19-04-2010]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE
 
 
 
 
 
 
  • I video della notizia
  • "Disagi a Fiumicino"
 
 
  CORRELATE