Giornale di informazione di Roma - Martedi 12 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Politica Roma
 
» Prima Pagina » Politica Roma
 
 

Le donne in giunta della Polverini

cinque posti ''rosa'', ecco il toto nomine

Ha promesso che la giunta la farà lei, come a dire che non gradirà le intromissioni di nessun altro, e ha assicurato che ci saranno anche più donne di quello che prevede la legge. Queste le uniche certezze della neopresidente della Regione Lazio Renata Polverini, che si appresta a varare la sua giunta.

A fronte di 16 assessori, 5 donne dovranno dunque entrare per legge, ma la giunta targata Polverini potrebbe essere più rosa del previsto. La difficoltà però è rappresentata dal numero delle donne elette e non, davvero esiguo, e dal cercare di rispettare gli equilibri che hanno portato alla vittoria l'ex sindacalista.

Forte dei suoi 21.5000 voti, l'unica donna che sicuramente al momento avrà un posto da assessore è Olimpia Tarsia, candidata nella lista civica (appoggiata dall'ex azzurro Fabio Armeni), segretaria generale del Movimento per la vita italiano, che potrebbe occuparsi del welfare. In calo le quotazioni di Isabella Rauti che, in quanto moglie del sindaco Gianni Alemanno, potrebbe opportunamente non ricevere un posto in giunta.

Per lei però già si pensa a un ruolo di portavoce o la presidenza di qualche commissione. Non è stata eletta ma con ogni probabilità entrerà nella squadra di Polverini anche la giornalista Mariella Zezza, capolista nella civica. In salita le quotazioni di Annalisa D'Aguanno, sponsorizzata da Andrea Augello, già consigliera comunale di Cassino. Anna Teresa Formisano, in quota Udc e vecchia conoscenza della Regione in quanto ex assessore alle Politiche sociali nel mandato di Storace, potrebbe essere ripescata: conosce bene la macchina amministrativa e, appunto, è in quota Udc che potrebbe puntare su di lei. Pronto un posto per la giovanissima Veronica Cappellaro (listino) ex consigliere del II Municipio, voluta direttamente dal premier Berlusconi. Tra le papabili, anche l'ex assessore alle Politiche sociali nella giunta Marrazzo Alessandra Mandarelli, passata poi tra le fila della Polverini e neoeletta nel listino. Tra le elette, figura la preside dal piglio deciso Lidia Nobili, in quota Tajani e quindi Forza Italia, Gina Cetrone, proprietaria di un'azienda olivicola e vicina a un altro azzurro, Alfredo Pallone e infine la rampelliana Chiara Colosimo.

[11-04-2010]

 
Lascia il tuo commento