Giornale di informazione di Roma - Lunedi 18 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Teatro Roma
 
» Prima Pagina » Cultura Roma » Teatro Roma
 
 

Corsi e ricorsi

In scena al Teatro Due una commedia scritta da Raffaele Aufiero

a.tramontano-b.chiesa-g.gherardi-l.martinez “Corsi e ricorsi” (e concorsi) è il titolo della commedia scritta da Raffaele Aufiero, in scena al Teatro Due fino al 25 aprile, diretta da Marco Lucchesi, ed interpretata da Loredana Martinez, Antonio Tramontano, Barbara Chiesa e Gerry Gherardi.

Siamo nella Napoli del viceregno, nella primavera del 1722. C’è un grande fermento sociale, si attende la venuta del Re Carlo III con la speranza che possa finalmente mettere un po’ di ordine e ridare slancio ad un territorio vessato da contrasti politici e da rapine perpetrate ai danni della popolazione. Molti intellettuali e critici sono costretti a lasciare la città….

La commedia ci introduce nell’umile ma dignitosa dimora del prof. Giambattista Vico, modesto professore di retorica all’università, che vive, insieme alla moglie Caterina Destito, massaia analfabeta e a quattro figli, in un modesto appartamento in vicolo della Marra, traversa della famosa Spaccanapoli. Vico ha grandi problematiche da affrontare sia economiche e sia dovute  dal comportamento deviante del primogenito Ignazio, dedito al gioco d’azzardo e ad una condotta al limite della legalità. Ma le cose potrebbero cambiare. Si presenta l’opportunità di sostenere un concorso per l’accesso alla cattedra di Diritto, molto più prestigiosa e molto più remunerosa: occasione unica, irripetibile per il professore, in procinto di dare alle stampe un monumentale studio filosofico Scienza Nuova, dal quale si attende una meritata fama. Ma non supera la prova e di conseguenza crolla il suo castello di sogni…In questa situazione di disagio matura una grande avversione per la sorte e un senso di rifiuto per la società del suo tempo, che non lo capisce e non lo apprezza.

La commedia coglie questo particolare momento di frustrazione e di malinconia di Vico presentandocelo nella sua dimensione domestica alle prese con i problemi quotidiani e al ritorno della prova fallimentare del concorso. Mette anche in risalto gli aspetti fondamentali della sua filosofia che vengono dibattuti insieme a quelli del suo più acerrimo e agguerrito avversario: Cartesio. Mentre Vico cerca di appisolarsi gli appare nel sonno e prende la consistenza di un incubo: dando vita così, ad un incontro scontro dialettico attraverso il quale  i due grandi danno sfoggio di capacità di retorica, di profondità di pensiero nella consapevolezza entrambi del loro ruolo storico e sociale.

Il Teatro Due “Aldo Nicolaj” è in Vicolo Due Macelli 37 (tel. 06/6788259). Orario spettacoli dal martedì al sabato ore 21 domenica ore 18,  lunedì riposo. 

[10-04-2010]

 
Lascia il tuo commento