Giornale di informazione di Roma - Lunedi 18 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Tecnologie
 
» Prima Pagina » Tecnologie
 
 

Tante novitÓ per l'O.S 4 di Apple

 Ieri è stato svelato il nuovo O.S 4 di Apple, il sistema operativo che verrà montato sul nuovo iPhone, in arrivo quest’estate. Le novità sono tante, alcune delle quali chieste dagli utenti stessi, altre inserite per migliorarne le prestazioni.

Finalmente troviamo il multitasking per tutte le applicazioni, una caratteristica già presente nella quasi totalità degli smartphone attuali. Sembrava infatti alquanto strano che non fosse ancora stato implementato. In ogni caso le vecchie generazioni di iPhone non potranno godere di questa importante funzionalità. Il nuovo multitasking  utilizza il tasto centrale per poter accedere al task manager e per scegliere quale applicazione riprendere dal punto in cui la si era lasciata. Un grande vantaggio dunque, sarà infatti possibile navigare e ascoltare la musica contemporaneamente, oppure utilizzare il gps e la modalità ipod.

Tra le altre novità troviamo la possibilità di poter regalare un’applicazione scelta nell’App Store ad un altro possessore di iPhone, la possibilità di collegare il proprio terminale ad una tastiera fisica tramite il bluetooth. E’ stata migliorata la gestione degli sms e quella delle mail, si spera nella possibilità di gestire account aziendali.
Per quanto riguarda la gestione di file e programmi finalmente viene introdotta l’organizzazione in cartelle. Non si dovrà più scorrere pagine e pagine di programmi bensì si potranno raggruppare in cartelle. Tutto coadiuvato da una maggiore semplicità di sincronizzazione con iTunes, la cui versione sarà resa ancora più semplice ed efficace.
L’ultima caratteristica, forse la più importante, è l’implementazione di iAd, annunci pubblicitari all’interno di giochi e applicazioni. Sarà la stessa Apple a vendere la pubblicità, o meglio delle vere e proprie interazioni con l’utente con contenuti video, audio e interattività. Apple promette che il 60% dei proventi vadano allo sviluppatore, la restante fetta alla casa madre. Update minore che infine troviamo sono il contacaratteri degli sms,  la possibilità di cambiare sfondo alla springboard, schermata principale di iPhone. Hanno infine introdotto la creazione direttamente dal terminale di playlist per l'ascolto dei brani. Ricordiamo che questa funzioni era possibile usarla solo tramite iTunes.

Finalmente posso dare un giudizio abbastanza positivo a questo sistema operativo. Ho sempre pensato che il costo dell’iPhone non fosse giustificato per la mancanza di funzioni e caratteristiche hardware importanti. L’iPhone attuale possiede il miglior touch sul mercato, un sistema operativo semplice (forse troppo) che garantisce un’ottima velocità, e un numero di applicazioni invidiabil.

Con il nuovo O.S penso che Apple abbia colmato la distanza che il suo OS aveva ultimamente perso dai concorrenti ed in particolare da Android. Se poi consideriamo che tutti questi aggiornamenti, così come quelli rilasciati per i "vecchi" iPhone, sono delle funzioni già presenti da più di un'anno su smartphone di fascia media, allora qualche dubbio sorge. Personalmente se penso che il mio Sonyericosson P800, primo smartphone della casa svedese, aveva già la metà di queste funzioni, multitasking compreso, allora i dubbi aumentano. 

Chi ha acquistato un iphone 3g per 500 euro, per avere un telefono con fotocamera da 2Mpx senza flash led, senza una doppia cam per le video chiamate, senza il copia-incolla, senza il multitasking, senza che gli 8/16/32 gb vengano considerati come una memoria di massa e con un’adeguata gestione in cartelle forse ha speso troppo per le funzionalità offerte. Più che un terminale business, uno smartphone (nel vero senso della parola), vedo l'iPhone come un 'ottima console touch.
Adesso, alla luce di quanto annunciato e di quelle che saranno le future caratteristiche hardware, il nuovo iPhone ha tutte le carte in regole per poter competere seriamente con i concorrenti Android e Win Mobile 7.

Per consigli o segnalazioni scrivete a: tecknologie@corriereromano.it
Stefano Soriano

[08-04-2010]

 
Lascia il tuo commento