Giornale di informazione di Roma - Lunedi 11 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
A tutto gas
 
» Prima Pagina » Sport Roma » A tutto gas
 
 

Le Red Bull volano, le altre big pasticciano

In Malesia vince Vettel davanti a Webber. Massa settimo, Alonso k.o.

Dopo aver accumulato frustrazione a palate nei precedenti Gp, finalmente Sebastian Vettel ha fatto esplodere la sua gioia, centrando il primo successo stagionale a Sepang.

Decisiva è stata l'ottima partenza del tedesco, che ha sopravanzato il compagno Webber alla prima curva e poi si è limitato ad amministrare il vantaggio sull'australiano, unico in grado di impensierirlo almeno fino a metà gara, quando è stato penalizzato lievemente anche dai suoi stessi meccanici ai box.

Alle spalle dei due, si è piazzato un buon Rosberg che ha regalato il primo podio alla Mercedes (ritiro nelle prime fasi per il sempre anonimo Schumacher) seguito dall'ottimo Kubica, che ancora una volta ha portato la Renault più in alto del previsto. Dietro di loro, si è assistito ad una grande lotta, animata soprattutto dalle Ferrari e dalle Mclaren dopo il pasticciaccio brutto del sabato sotto il diluvio. Hamilton, come in Australia, è partito come un demonio e ha dato spettacolo con una rimonta che, prima della sosta, addirittura lo aveva portato ad occupare la seconda posizione. Alla fine si è dovuto accontentare della sesta piazza, arrendendosi di fronte alla coriacea difesa dell'amico Sutil, raggiante quinto con la Force India, che purtroppo ha appiedato nelle prime fasi il nostro Liuzzi.

All'inglese comunque vanno tirate le orecchie per il pericoloso zig zag esibito nel duello con Petrov. Meno spettacolare, ma ugualmente produttivo, Felipe Massa, che da ventunesimo è riuscito a risalire sino alla settima posizione, guadagnando sei punti che valgono la leadership provvisoria in campionato. Leadership persa amaramente da Alonso che, mentre lottava per l'ottavo posto con Jenson Button, ha visto cedere ad un giro dalla fine il suo motore Ferrari: sfortunato epilogo di un week-end da cancellare in fretta. Primi punti iridati, infine, per un Alguersari in crescita e per il giovane Hulkenberg. Tra due settimane si va in Cina con una situazione di classifica incertissima e avvincente. La vettura della Bibita e del mago Newey però, quando non è vittima di problemi di affidabilità, sembra davvero avere una marcia in più. Gli avversari sono avvisati.

Giu. Cil.

 
 

[04-04-2010]

 
Lascia il tuo commento