Giornale di informazione di Roma - Lunedi 11 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Politica Roma
 
» Prima Pagina » Politica Roma
 
 

Regionali, confronto all'ultimo voto

nel Lazio il maggior incremento dell'astensione

Nuovo aggiornamento 23:29. Renata Polverini 49,95%, Emma Bonino 49,49%. 4510 sezioni scrutinate su 5266

Spoglio - Le operazioni di spoglio, relative ad un quinto delle sezioni laziali, indicano un leggero vantaggio di Emma Bonino su Renata Polverini. Nel centrosinistra il partito più votato è il Pd, con oltre il 27 per cento dellle preferenze, seguito dall'Idv al 10. Nel centrodestra la lista Renata Polverini presidente supera il 30 per cento, l'Udc non oltre il 4,7 per cento. Per quanto riguarda la sola città di Roma, la Bonino ha un consistente vantaggio. 

Proiezioni - Le proiezioni di Pragma-Emg indicano un testa a testa fra le due candidate presidente alla Regione Lazio: Emma Bonino e Renata Polverini sono entrambe al 49,8 per cento. Nessuna variazione rispetto ai dati precedenti, che rilevavano una copertura campionaria inferiore.  

Affluenza - Nel Lazio i dati definitivi del Viminale registrano un'afflluenza alle urne di 11 punti inferiore rispetto alle elezioni del 2005: in questa tornata ha votato il 60,89 per cento rispetto al 72,67 delle precedenti amministrative. Il Lazio è dunque la regione in cui si registra il maggiore incremento dell'astensione. Nella capitale ha votato invece circa il 59,2 per cento degli elettori, più di 12 punti in meno rispetto al 2005. Nella regione Viterbo è la città che registra l'affluenza più alta (70 per cento), la Capitale quella più bassa. 

Possibili caos nei seggi -  Circa tremila rappresentanti di lista del Pdl, partito escluso dagli elenchi di Roma e provincia, sono pronti a dar battaglia nei seggi della capitale, secondo gli ordini ricevuti dagli uomini di Silvio Berlusconi: "Chi vota Polverini e aggiunge sulla scheda un nome noto del nostro partito romano, oppure quello di un consigliere uscente, esprime una chiara intenzione di voto per la presidente", ha affermato Cicchitto. La Bonino ha risposto: "Se un signore non si è candidato la scheda è nulla perché potrebbe essere un tentativo di far riconoscere il proprio voto".


[29-03-2010]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
 
 
 
 
  • I video della notizia
  • "Romani al voto"