Giornale di informazione di Roma - Lunedi 18 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Teatro Roma
 
» Prima Pagina » Cultura Roma » Teatro Roma
 
 

Sotto il cielo di Roma

Al Teatro della Cometa una commedia con musiche di Gianfranco Vergoni e Andrea Perrozzi

“Sotto il cielo di Roma” è il titolo dello spettacolo di Gianfranco Vergoni e Andrea Perrozzi, per la regia di Fabrizio Angelini, in scena al Teatro della Cometa fino al 18 aprile.

La vera protagonista di questa commedia musicale è l’anima di Roma. La Roma di oggi, concreta, che lavora, sogna, fatica, soffre, si arrabatta per andare avanti, crede nell’amicizia, ama la musica e scherza su qualunque cosa.

I personaggi, gente comune, reale, che si può incontrare per strada, in una panetteria, in un’officina: Dario, che canta nei ristoranti, o sui marciapiedi, insieme a Enrico, carrozziere indebitato fino al collo; Adriana, che manda avanti il ristorante di famiglia; Gabriella, dal passato torbido; Nina che subisce il fascino di Mirko, un affarista senza scrupoli; Iva e Sara,  dalla vista lunga e la parlata sciolta. E Centovoci, un cantastorie che ammiccando ad alcuni artisti romani molto amati dà corpo a una variegata galleria di personaggi: l’impresario arraffone, il burbero oste, l’orgogliosa portiera africana, il commissario meno tonto di quello che sembra… Ciascuno ha un desiderio, tutti hanno dei problemi. Il destino si divertirà a intrecciare le loro esistenze, ingarbugliandone i fili in una complicata matassa. Dario ha trent’anni e vive di musica. Sbarca il lunario suonando nei locali, ai matrimoni, per strada. E’ contento così… Ma è la spina nel fianco dei genitori, commercianti, e della sorella Nina, universitaria che aspira a salire la scala sociale. Adriana, storica fidanzata di Dario, lavora instancabilmente nel ristorante di famiglia, e anche lei vorrebbe che Dario si dedicasse a qualcosa di più concreto. Enrico è il migliore amico di Dario, proviene da una famiglia disagiata, lavora in un’officina. Durante un’esibizione vengono avvicinati da un impresario che chiede loro del denaro per lanciarli verso il successo. Enrico perde la testa per Gabriella, segretaria dell’impresario. Dario convince Adriana a prestargli tutti i suoi risparmi; Enrico non trova di meglio che mettersi nelle mani di uno strozzino, che ha messo gli occhi su Nina e la circuisce facendo leva sul suo fascino personale, malgrado le tenaci rimostranze delle sue due amiche, Iva e Sara. Tra canzoni, litigi, passeggiate, temporali e chiari di luna, la storia si complicherà, alternando momenti i drammatici a quelli brillanti, fino a una conclusione che aspira a ridefinire il concetto di “lieto fine”, lontano dall’ossessione, purtroppo così attuale e così fasulla, del successo facile, visto come unica possibilità di realizzare se stessi e di essere felici.

Lo spettacolo è interpretato da Andrea Perrozzi, Enrico D’Amore, Elisabetta Tulli, Brunella Platania, Alessandro Salvatori, Eleonora Tata, Marco Rea, Tatiana Biagioni e Roberta Marini.

[25-03-2010]

 
Lascia il tuo commento