Giornale di informazione di Roma - Lunedi 11 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Addio a Franco Marzilli

pittore romano dai colori velati

E' venuto a mancare il Maestro Franco Marzilli. Nato a Roma nel 1934 viveva da anni a Poggio Mirteto dove si sono tenuti i funerali presso la cattedrale.

Sempre al di fuori dei gruppi e delle tendenze, Franco Marzilli ha iniziato la sua attività espositiva nei primi anni Sessanta. Sue mostre sono state ospitate presso gallerie private e spazi pubblici in Italia e all'estero (New York, Londra, Parigi). A partire dagli anni ottanta si è dedicato particolarmente alla scultura in bronzo e all'approfondimento dello studio della ceramica, sua antica passione.

Carlo Fabrizio Carli, nel testo di presentazione della mostra tenuta dall’artista presso la Sala Carino Gambacorta di Teramo nel 2005, ha scritto che “Ci si trova, comunque, in presenza di tele dalla denunciata matericità: sul supporto preparato a gesso, Marzilli stende la pasta cromatica, ottenuta mescolando tempera e olio, una tесnica antica che non assicura la levigata e lucida finitura dell'olio, ma piuttosto l'effetto ruvido e polveroso dell'affresco”.
E Floriano De Santi, sempre scrivendo del lavoro dell’artista, ha affermato che “Sembra d’intravedere tanto in Marzilli quanto in Morandi una specie di metafisica sui generis che non parte dal contenuto, e sarebbe perciò leggera e volatile come la poesia, una descrizione in superficie, ma parte dalla materia pittorica, dal suo farsi, dal suo comporsi attraverso forze nascoste. Esse danno un'illuminazione singolare alla più semplice immagine, ad un contrasto di colore, al sovrapporsi di una velatura, ad una stratificazione di un tono grigio su grigio, bianco su bianco”.

Del suo lavoro si sono occupati inoltre Ruggero Martines, Carlo Giacomozzi, Michelangelo Masciotta, Floriano De Santi, Carlo Melloni, Carmine Benincasa, Dario Micacchi, Edith Schloss, Terence Mullaly, Max Wykes-Joice, Costanzo Costantini, Guglielmo Petroni, Marcello Venturoli, Toni Bonavita.

FONTI: GALLERIA EDARCOM

 
 

[24-03-2010]

 
Lascia il tuo commento