Giornale di informazione di Roma - Lunedi 18 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

La camorra punta a Roma

maxi blitz con sequestri di beni per 500 milioni

Sono serviti oltre due anni di indagini e 500 tra finanzieri e agenti di polizia per smantellare un’organizzazione camorristica operante nel Lazio.

Al termine dell’operazione “arcobaleno” sono state 77 le persone denunciate, 12 delle quali arrestate per associazione a delinquere di stampo mafioso. All’organizzazione sono stati inoltre sequestrati terreni, appartamenti, società, imbarcazioni, auto e rapporti bancari per un ammontare complessivo di oltre 500 milioni di euro.

"Una conferma in più -spiega Andrea De Gennaro, alla guida del Comando provinciale di Roma della finanza- che a Roma e nel Lazio si sono infiltrazioni della criminalità organizzata. Roma e il Lazio fanno gola alla camorra per la vicinanza e per il litorale, l'organizzazione criminale ha interessi anche nel ramo del turismo".

Lazio, Campania, Calabria e Sardegna le regioni in cui i criminali mettevano a segno le loro operazioni, ripulendo il denaro illecito del clan camorristico campano mallardo. Le zone in cui avevano investito maggiormente in ristoranti, società edili e nel settore del turismo erano, tra le altre, formia, latina e terracina. Qui si erano insediati i dodici criminali finiti in manette, tutti campani di giuliano. A capo del gruppo, secondo quanto accertato dagli investigatori, sarebbe stato uno dei fratelli dell'aquila, giuseppe, al momento latitante ed esponente di spicco anche del clan mallardo.

Il boss avrebbe creato società nei diversi settori economici attraverso prestanome e società fittizie. Al momento sono 30 quelle messe sotto sequestro.
In mattinata sono arrivate le congratulazioni del ministro dell'interno, maroni: "e' l'ennesimo successo nella lotta alla criminalità organizzata - ha sottolineato il titolare del viminale – reso possibile dalla piena collaborazione tra governo, forze di polizia e magistratura".

[24-03-2010]

 
Lascia il tuo commento