Giornale di informazione di Roma - Martedi 12 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Politica Roma
 
» Prima Pagina » Politica Roma
 
 

Sgarbi chiede il rinvio al voto

“Possiamo essere la salvezza della Polverini”

Vittorio Sgarbi

È il solito fiume in piena, istrione e provocatorio, Vittorio Sgarbi, nell’annunciare il ricorso al Consiglio di stato per il rinvio delle elezioni regionali.  I 20 giorni impiegati dal Tar per decidere sull’ammisione della Rete liberal alla tornata elettorale del 28-29 marzo sono stati davvero troppi per Sgarbi.  “Possiamo essere la salvezza della Polverini” – ha detto Sgarbi – come conferma la scritta soccorso azzurro accanto al simbolo. Quanto, agli avversari, Sgarbi lancia la sfida a Bonino e Di Pietro, proprio sul terreno del rispetto delle regole.

"Ho diritto a un mese di campagna elettorale a partire da oggi. Per questo non posso che chiedere il rinvio delle elezioni", ha detto il critico d'arte, capolista nel Lazio, proponendo come data quella dei ballottaggi nel resto d'Italia. "Per una volta nella vita sto dalla parte dei magistrati e chiedo il rispetto delle regole - ha proseguito - Noi avevamo fatto tutto per bene, tanto che la nostra lista è stata riammessa dal Tar. Ora, per un errore non nostro ma del tribunale, non è accettabile che ci siano concessi solo otto giorni di campagna elettorale. Dobbiamo avere anche noi, e lo chiederemo in tribunale, 30 giorni di campagna elettorale a partire dal 18 marzo". "Altrimenti - conclude - il tribunale non ci mette nelle condizioni di pari opportunità rispetto alle altre liste. Poi potremo essere noi a decidere di non utilizzare i 20 giorni in in più di campagna elettorale ma che ci debbano essere concessi è indiscutibile e vorrei che i Di Pietro e i Travaglio chiedessero il rispetto delle regole anche per noi".

È una campagna elettorale contorni schizofrenici e grotteschi, quella in corso. Nel clima ogni giorno più effervescente, Vittorio Sgarbi sembra essere a suo agio.

Intanto è sempre più ingarbugliata la situazione delle elezioni regionali nel Lazio. Dopo che la sua lista è stata riammessa dal Tar, Vittorio Sgarbi ha chiesto che il voto sia rinviato. E per oggi è attesa la pronuncia della Corte costituzionale sul decreto cosiddetto salva-liste varato dal Governo.

 
 

[18-03-2010]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE