Giornale di informazione di Roma - Domenica 17 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Teatro Roma
 
» Prima Pagina » Cultura Roma » Teatro Roma
 
 

Amleto

Il Teatro India ospita l’attesa nuova produzione

Dal 17 al 28 marzo il Teatro India di Roma ospita “Amleto”, l’attesa nuova produzione del Teatro del Carretto. Con questo spettacolo, diretto da Maria Grazia Cipriani ed interpretato da Giandomenico Cupaiuolo, Elsa Bossi, Giacomo Vezzani, Giacomo Pecchia, Nicolò Belliti, Jonathan Bertolai e Carlo Gambaro, il Teatro Del Carretto torna a indagare il filone shakespeariano, al centro della personalissima ricerca artistica che attraversando anche il mondo della fiaba e del mito classico ha prodotto in 26 anni un repertorio “magico” che ha incantato negli anni spettatori di ogni età in Italia e nel mondo.

Realizzata da Graziano Gregari, la scenografia è rotta da pannelli purpurei, un rosso che risucchia e risputa un bianco di personaggi, ne svela dalle morbide fessure frammenti improvvisi o insinuanti, al ritmo disarmonico di una mente turbata. Alle spalle di Amleto un canto di Gertrude e un ghigno di Re, davanti a sé un teatrino in miniatura con i personaggi del dramma che vanno svanendo ad ogni colpo mortale. “Proveremo a leggere il testo nella prospettiva del protagonista – spiega la regista - con le altre figure, fantasmatiche o reali, filtrate dalla sua sensibilità o dalla sua immaginazione: proiettando il dramma come in un sogno… in una riscrittura che attraverso spostamenti, cesure e montaggi caratterizzi una struttura che pur dal taglio quasi cinematografico, metta in evidenza o infranga ogni convenzione teatrale, sempre sovrapponendo moto tragico a moto comico e che lasci l’interpretazione psicanalitica come quella politica visibili in trasparenza, per mettere in luce il dramma dell’uomo oppresso da pensieri sul senso dell’esistenza: solo con i fantasmi, il dubbio, l’essere o non essere…”.

Nel corso della sua attività sono stati attribuiti alla Compagnia alcuni riconoscimenti ed importanti premi, dall’UBU per la ricerca drammaturgica e visiva, ricevuto nel 1991, fino al recente premio Eti gli Olimpici del Teatro allo scenografo Graziano Gregori per le scene dello spettacolo “Pinocchio”.

[16-03-2010]

 
Lascia il tuo commento