Giornale di informazione di Roma - Venerdi 15 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Politica Roma
 
» Prima Pagina » Politica Roma
 
 

Accolto il ricorso del listino della Polverini

ancora fuori la lista Pdl a Roma e Provincia, ma il sito del Pdl fa autogol con un sondaggio

La corte d'appello ha accolto il ricorso del listino della Polverini. La decisione è stata comunicata dal presidente dell'ufficio
elettorale centrale, oltre a quello del listino della Polverini, rimangono confermate le ammissioni delle candidate presidenti Emma Bonino e Marzia Marzoli.

Con l'accoglimento del ricorso Renata Polverini torna in regola e può correre per la carica di presidente della Regione Lazio. Tuttavia al partito di centro-destra mancano 44 candidati al consiglio regionale: resta infatti esclusa la lista di Roma e Provincia che non fu presentata per un ritardo di 45 minuti.

Contro questa esclusione, già ribadita dalla Corte d'Appello, il Pdl ha presentato ricorso al Tar.

MANCAVA UNA FIRMA - Quanto alla presentazione del listino collegato a Renata Polverini - che consentte l'elezione di 14 consiglieri, i quali costituiscono il premio di maggioranza in caso di elezione a presidente della Polverini - mancava di una procura, ovvero la firma di uno dei due presentatori, il vice coordinatore regionale del Pdl Alfredo Pallone. La procura mancante è stata integrata nel ricorso presentato mercoledì mattina. 

AUTOGOL DEL SITO DEL PDL - il sito del Pdl ieri aveva messo on line un sondaggio, ora cancellato, per mostrare come il popolo azzurro sia pronto a mobilitarsi. "Trovi giusto impedire agli elettori del centrodestra di votare i loro candidati per formalità burocratiche?". Fin dalle prime ore del pomeriggio è apparso chiaro che i risultati non erano quelli sperati dai webmaster berlusconianI: i "sì" infatti si sono subito piazzati oltre il 97 per cento, mentre i "no" viaggiano attorno al due.

In Rete si è subito scatenata la caccia allo screenshot, cioé allo scatto automatico di quanto appariva sul monitor, nel timore che i risultati subissero robuste modifiche per un intervento dei webmaster. Infatti, nel primo pomeriggio del 4 marzo - dopo una brusca impennata dal 2 al 14 per cento dei "no", il sondaggio è stato improvvisamente chiuso e tutti i commenti sono stati cancellati.

SONDAGGIO CORRIERE ROMANO.

E' GIUSTA L'ESCLUSIONE DELLA LISTA PDL?

 
 

[05-03-2010]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE