Giornale di informazione di Roma - Lunedi 11 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Politikamente
 
» Prima Pagina » Politikamente
 
 

Elezioni regionali, clima rovente

riammesso il listino della Polverini

Mancano pochi giorni alle elezioni regionali e i fatti delle ultime ore hanno acceso sempre di più un clima politico già rovente di suo; la Corte d’Appello ha riammesso nelle liste elettorali l’ex- sindacalista Renata Polverini che può tornare a preparare con più serenità la sfida alla candidata del centro sinistra Emma Bonino.

Resta ancora in bilico la posizione del Governatore uscente della regione Lombardia Roberto Formigoni che è in attesa di conoscere se potrà continuare a candidarsi per raggiungere un eventuale quarto mandato, ma nel nord d’Italia c’è un partito di nome Lega che spera in una “cacciata” a titolo definitivo di “sir” Formigoni per tentare la conquista della tanto amata Lombardia, con l’obiettivo di far fare così il gran salto di qualità al carroccio, deciso come non mai a conquistare la patria degli ossobuchi, del risotto alla milanese e dei pizzoccheri valtellinesi. Nel bel mezzo di questo clima elettorale così movimentato il premier Berlusconi decide di fare un blitz al Quirinale per discutere con un preoccupato Presidente della Repubblica Napolitano del caos del momento e con l’idea di emanare un decreto “ammazza problemi”, ma il guaio serio è che purtroppo non ci si accorge del vero problema tutto italiano ovvero che la nostra politica si è ammalata da tempo e ha perso la credibilità degli anni che furono.

L’illusione di vedere una campagna elettorale regionale all’insegna del confronto sereno e pacato è solo un miraggio; noi italiani siamo fatti così, alla vigilia di un evento politico importante se non ci fossero problemi e disordini improvvisi, non saremmo dei veri italiani, però il fatto ancora più grave è che ormai la classe politica continua sempre a litigare, a fare polemiche inutili. Ignorando altamente un rischio di fondo ovvero le numerose schede bianche che potrebbero finire nei box delle urne.

Marco Chinicò

[28-02-2010]

 
Lascia il tuo commento