Giornale di informazione di Roma - Martedi 12 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

III Municipio: Bilancio Partecipativo 2010

le proposte dei cittadini

di Antonio Scafati

Anche quest’anno il III Municipio offre ai propri cittadini la possibilità di partecipare attivamente alle scelte di politica territoriale attraverso il “Bilancio Partecipativo”: gli abitanti presenteranno e valuteranno proposte che poi il Municipio finanzierà e realizzerà. Tutti i cittadini che hanno compiuto quattordici anni, che sono residenti, domiciliati o che studiano o lavorano nel III Municipio possono presentare dei progetti entro il 27 febbraio compilando un modulo che può essere richiesto e riconsegnato presso l’Urp in via Goito 35 o durante le assemblee del 20 e 27 febbraio, oppure scaricato dal sito internet del III Municipio.

Questo è  il secondo anno per il Bilancio partecipativo al III Municipio, e così come per il 2009 anche quest’anno l’iniziativa verrà gestita dall’associazione Cantieri Comuni. Buoni i risultati del 2009: molte delle proposte sono state realizzate. Ad esempio, l’organizzazione della “movida estiva” è stata spostata da piazza dell’Immacolata alla zona del Verano, come richiesto dai cittadini.  

Le assemblee pubbliche durante le quali saranno proposti e scelti i progetti sono quattro: il 20 febbraio, il 27 febbraio, il 13 marzo e il 20 marzo. Gli incontri si terranno tutti di sabato per agevolare la più ampia partecipazione possibile e si svolgeranno dalle 16,00 alle 18,30 alla Casa della Partecipazione del Municipio, in Via dei Sabelli 88/a.

Nel corso della prima assemblea di sabato 20 febbraio, ai cittadini verranno illustrati i risultati del Bilancio partecipativo 2009 e gli obiettivi per quest’anno, oltre a come verranno scelti e finanziati i progetti. I Municipi, infatti, non hanno completa autonomia di bilancio e i finanziamenti passano attraverso richieste di fondi alla Provincia, alla Regione e ad altri Enti.

I progetti verranno valutati attraverso criteri scelti direttamente dai partecipanti durante la seconda assemblea, e la fattibilità tecnico-amministrativa verrà valutata dal Tavolo di fattibilità tecnica, dove siederanno anche i delegati dei cittadini. L’obiettivo del Bilancio partecipativo 2010 è quello di arrivare a realizzare più di un progetto.

[18-02-2010]

 
Lascia il tuo commento