Giornale di informazione di Roma - Lunedi 18 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Il pallonaro Roma
 
» Prima Pagina » Sport Roma » Il pallonaro Roma
 
 

Roma, travolto anche il Palermo

Quattro gol per i giallorossi, doppietta di Brighi. Di Miccoli il gol della bandiera.

L’unico pensiero scuro che possa venire in mente è che tutte le cose belle sono destinate a terminare, e quindi un giorno terminerà anche l’incredibile striscia positiva della Roma targata Claudio Ranieri. E’ davvero l’unico, dopo aver massacrato un’altra rivale per la zona Champions come il Palermo (pur autore di una buona prova). E dopo aver mostrato di poter vantare anche preziose seconde linee, come Matteo Brighi.
A inizio gara, infatti, c’è qualche sorpresa: Burdisso torna al centro della difesa al posto di Mexes, Brighi fa il cursore in luogo di Perrotta, e soprattutto c’è Francesco Totti, nonostante il noto allarme al ginocchio. Fin da subito il Palermo mostra di aver appreso la sapienza tattica di Delio Rossi, chiudendo gli spazi e sfruttando la verve del suo attacco ben assortito. Attacco che confeziona una grande azione all’11’, con la discesa di Cassani sulla destra, il cross basso per la finta di Cavani che premia l’inserimento di Miccoli, il quale da centro area spara però altissimo. I giallorossi, al solito, tentano di sfruttare le fasce, ma sulla destra il tandem Motta-Taddei appare un po’ appannato. I rosanero insistono, soprattutto grazie agli affondi di Balzaretti, e si rendono pericolosi dalla distanza in un paio di circostanze. La Roma, invece, squilla alla mezz’ora, con Vucinic che si inserisce su un grande assist di Pizarro ma, da distanza ravvicinata, conclude a lato. E’ il presagio del gol, che arriva al 33’: Totti batte velocemente un corner, Brighi gira in porta al volo di destro e Bovo inganna il proprio portiere di testa. Ennesimo segnale che tutto gira per il verso giusto. Segnale confermato da un miracolo di Julio Sergio su Cavani e da una punizione di Liverani che esce di un nulla.
La ripresa si apre senza Francesco Totti, per il quale Ranieri ripete la staffetta con Julio Baptista vista a Firenze. Prestazione del capitano comunque più confortante. Il copione, almeno nei primi minuti, sembra essere lo stesso del primo tempo, col Palermo molto pericoloso grazie a un colpo di testa di Bovo che finisce alto. Tuttavia, all’8’ arriva il gol che chiude il match: Taddei sovrasta Cassani di testa (forse con un fallo), Bovo pasticcia e favorisce Brighi che serve Julio Baptista, che a porta vuota mette in rete. Rossi prova, inutilmente, a dare una scossa con Pastore. E’ invece la Roma che trova il terzo gol, che stavolta è tutto di Matteo Brighi, con una gran conclusione di controbalzo dal limite dell’area. Ranieri sfrutta la situazione per inserire Menez (abbastanza tonico) al posto di Vucinic. A partita ormai persa, il Palermo continua a sprecare occasioni, prima con Kjaer, che di testa da due passi mette alto, e poi con Balzaretti, che da fuori trova l’opposizione di Julio Sergio e, soprattutto, del palo. Fino al 35’, quando Taddei stende Pastore al vertice dell’area, e Tagliavento vede un rigore che non c’è: il fallo è fuori area di una ventina di centimetri. La trasformazione è di Miccoli. Prima della fine, c’è gloria anche per Riise (per la gioia dei tifosi), che sottoporta sigla il quarto gol su assist di Pizarro.
Tutto quello che si può dire sembra già detto, e rischia di essere una stucchevole glorificazione di una squadra e di un allenatore che stanno facendo l’incredibile. Giusta, però, l’analisi di Claudio Ranieri: attenzione ai molti, troppi spazi trovati nelle ultime due giornate dai pur robusti avversari. Unico spunto di riflessione e di lavoro per quella che sembra altrimenti essere una macchina da guerra. Con Totti a un quarto delle sue possibilità e Toni ancora ai box.

Simone Luciani

Roma-Palermo 4-1

Roma: Julio Sergio, Motta, Burdisso, Juan, Riise, Pizarro, De Rossi, Taddei, Brighi, Vucinic (20'st Menez), Totti (1'st Baptista). (Doni, Mexes, Cassetti, Perrotta, Cerci) All: Ranieri;
Palermo: Sirigu, Cassani, Kjaer, Bovo, Balzaretti, Migliaccio, Liverani, Bresciano, Simplicio (10'st Pastore), Cavani (28'st Budan), Miccoli. (Benussi, Goian, Blasi, Bertolo, Hernandez) All: Rossi;
Arbitro: Tagliavento;
Marcatori: 33'pt Brighi (R), 8'st Baptista (R), 20'st Brighi (R), 35' st Miccoli (P), 38'st Riise(R);
Ammoniti: Kjaer (P), Totti (R), Miccoli (P), Menez (R).

[14-02-2010]

 
Lascia il tuo commento