Giornale di informazione di Roma - Lunedi 18 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Teatro Roma
 
» Prima Pagina » Cultura Roma » Teatro Roma
 
 

Tommy

Al Piccolo Teatro Campo d’Arte l’acclamato testo di Giuseppe Manfridi

Giuseppe Russo “Tommy” è il titolo dell’ultimo lavoro di Giuseppe Manfridi, interpretato da Giuseppe Russo per la regia di Andrea Belloccio, in scena al Piccolo Teatro Campo d’Arte fino al 31 gennaio.

Il testo è stato scritto nel 1985, ma la sua attualità è disarmante. Meno di due mesi fa, è  balzato alle cronache degli Stati Uniti, facendo poi il giro del mondo, il curioso caso di Lauren Johnson, 12 anni, vittima della rara sindrome denominata “starnuto a mitraglia” che non le permette di smettere di starnutire: lo fa 12 milavolte al giorno, fino a 20 al minuto. Tutto è iniziato con un raffreddore qualche settimana fa e da allora la teenager americana ha smesso di andare a scuola e fa fatica a mangiare. L'unica "sosta starnuto" avviene quando dorme.

"Non pensavo durasse così  tanto", ha spiegato Johnson. "Non vado a scuola, non esco”. La madre dell'ammalata, per trovare una soluzione, ha fatto provare alla figlia undici terapie diverse e si è affidata persino all'ipnosi, senza riscontrare nessun miglioramento. "In tutto il mondo sono stati documentati al massimo 30 casi di questa sindrome e nessun medico riesce a trovare una cura o dare una risposta al fenomeno.

Lo spettacolo è un vero e proprio viaggio attraverso i ricordi di Tommy, della sua infanzia e della sua adolescenza. Ci svela, quindi, le parti più belle e più difficili, più allegre e più tristi della sua storia. “Un’analisi tra i sogni di una persona e i suoi bisogni essenziali negati – spiega il regista -. Un viaggio che spoglia la sua anima davanti alla sua vita, dove Tommy è costretto a scegliere se restare “in quel buio, in quel nulla dentro, che preferisce a tutto”, o uscirne per trovare un'altra via di salvezza…”.

Il monologo è una straordinaria occasione, sia a livello interpretativo sia umano. Una vera e propria sfida per il protagonista. “Sono solo in scena – racconta Giuseppe Russo - questo si, ma è come se in realtà non lo fossi. Ho accanto a me un abile regista, la stima di un grande autore e il supporto del suo straordinario testo. Con il loro aiuto mi accingo a sondare la solitudine del piccolo Tommy, che solo, invece, lo è per davvero, E a cercare di riscattarne la vita in un ultima labile occasione di libertà che la sorte gli ha dato. Credo in me e in questa piccola grande operazione, che porta dentro di se i semi della follia infantile e della puntata azzardata al tavolo verde, perché poi, in fin dei conti, di questo si tratta: di una scommessa!”.

Il Piccolo Teatro Campo d’Arte è in Via dei Cappellari 93, a due passi da Campo dei fiori.

Info e prenotazioni per il pubblico : 06 6874579 - 333 4119069 - 347 2926032

[21-01-2010]

 
Lascia il tuo commento