Giornale di informazione di Roma - Sabato 16 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Coppie di fatto: polemica nei municipi

nel X è già in vigore un registro delle coppie di fatto

Nel IV Municipio si discute ancora, nell'XI l'ordine del giorno non è passato, nel X, invece, è già in vigore da metà dicembre 2005: stiamo parlando del registro delle coppie di fatto, non si tratta proprio di pacs ma di un 'ducumento' che registra le unioni di conviventi sia etero che omosessuali. Chi risulta el registro delle unioni può ottenere  le stesse agevolazioni sociali di chi è sposato. Ad esempio entrare nelle graduatorie per assegnatari di case popolari a giovani coppie o, se si ha bambini, accedere ai bandi per entrare negli asili nido, e così via.

"Siamo stati i primi a Roma - ha spiegato il Presidente del X municipio, Sandro Medici - e per ora sono circa una quindicina le coppie che si sono registrate. La maggioranza,14, sono di eterosessuali e una soltanto di omosessuali".

Una delibera che seppur approvata soltanto da una delle XIX ex circoscrizioni che compongono il territorio capitolino "ha comunque dato fastidio al Vaticano tanto che - ha ricordato Medici - Ruini citò proprio questo provvedimento per esprimere la sua contrarietà".

Particolarmente infuocata la discussione in proposito nel IV Municipio dove, proprio oggi, dovrebbe arrivare in Consiglio una delibera che istituisce il registro. "L'intento - ha spiegato l'amministrazione di quartiere - è quello di avere un organismo che attesti chi sono davvero i conviventi visto che l'attuale giurisprudenza di fatto già equipara le coppie conviventi con la famiglia tradizionale". "Quindi - viene precisato - non si tratta di pacs".
A sostenere la proposta, soprattutto Ds, Prc, Verdi e Lista civica per Veltroni. Contrari, invece, Margherita e Moderati per Veltroni-Udeur.

"Spero nel senso di civiltà dei consiglieri - ha detto il minisindaco del IV, Alessandro Cardente - anche se i registri municipali sono senza dubbio utili, danno soprattutto un segnale di sensibilità".

E proprio riferendosi al caso della circoscrizione di Montesacro l'assessore capitolino al Decentramento, Lucio D'Ubaldo ha detto: "Nel rispetto delle prerogative riconosciute ai singoli Municipi, occorre precisare che le iniziative finalizzate all'istituzione di elenchi anagrafici per le unioni di fatto non hanno fondamento giuridico e sono prive, pertanto, di qualsiasi efficacia pratica".

[10-02-2007]

 
Lascia il tuo commento