Giornale di informazione di Roma - Domenica 17 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Rapisce il figlio di 7 anni e minaccia la moglie

39enne arrestato in un casale a Cinecittà

Il blitz di questa mattina degli uomini della municipale dell’VIII gruppo a Cinecittà ha messo fine all’incubo di una donna romena di 32 anni, minaccita più volte di morte dal marito che, nonostante l’affidamento del figlio alla madre, voleva “riprendersi” il piccolo di 7 anni.

La storia di violenza e degrado inizia nell’aprile scorso quando il romeno di 39 anni rapisce il figlio, dopo il sequestro lo costringe praticamente a vivere in una stato di abbandono e degrado.

Gli agenti dell’VIII gruppo della polizia municipale, diretti dal comandante Antonio Di Maggio, riescono a rintracciare il bimbo in provincia di Latina, in una scuola elementare di Sonnino e lo riportano alla madre.

Da allora il padre non si dà per vinto, minaccia di morte la moglie e chiede anche delle somme di denaro; queste intimidazioni portano all’emissione di un mandato di custodia cautelare nei confronti del romeno che, però, fugge nel suo paese con il piccolo.

Lo scorso 11 gennaio la donna, sotto protezione della polizia, si rivolge ancora agli uomini della municpale per denunciare il ritorno a Roma del marito e la ripresa delle violenze e minacce.

Dopo una settimana di indagini la polizia municipale oggi ha fatto irruzione in questo casale, nel cuore di Cinecittà in via Sulpici, un dormitorio in condizioni igienico sanitarie al limite. Gli agenti hanno bloccato il romeno, insieme ad altri quattro connazionali, sarà processato in Italia.

 
 

[12-01-2010]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE