Giornale di informazione di Roma - Venerdi 15 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Il pallonaro Roma
 
» Prima Pagina » Sport Roma » Il pallonaro Roma
 
 

Roma, prova di forza col Chievo

In dieci per ottanta minuti, i giallorossi si impongono 1-0: gol di De Rossi. Ottima prova di Toni.

La Roma chiude alla grande il girone d'andata, con una vittoria su una squadra ostica già in partenza e per un impegno che si è addirittura complicato strada facendo. Ottimo l'esordio dal primo minuto di Luca Toni, autore di una prova di grande impegno e di notevole sostanza fisica.

Ranieri, assenti ancora Totti e Mexes e infortunatosi all'ultimo anche Julio Sergio, fra i pali sceglie di nuovo Doni e in attacco inserisce il nuovo acquisto giallorosso. Che si mette subito in luce con un buon inserimento premiato da Taddei. Dall'azione nasce il corner che sarà decisivo: cross di Pizarro e girata di testa vincente di Daniele De Rossi. Non è ancora scoccato il secondo minuto. Al 4', Toni ha la palla buona su cross di Taddei, ma il suo colpo di testa termina sul fondo. Sembra tutto facile, ma non è così. Perché all'11' la difesa giallorossa si perde Abbruscato, che si presenta a tu per tu con Doni: uscita fuori area e fuori tempo, e palla intercettata col braccio. Quello che era stato uno dei migliori portieri della serie A, e che oggi è irriconoscibile, lascia il campo. Ranieri sacrifica Vucinic per Lobont. A questo punto il Chievo prova (senza troppa concretezza) a salire, e l'apporto di Luca Toni si rivela decisivo: essenziali le sue sponde. Al 24' De Rossi prova il destro su punizione dal limite, e la palla esce di pochissimi centimetri. Tre minuti più tardi, apertura di Pizarro in area per Riise, tiro-cross del norvegese e Toni non arriva sottoporta per un soffio. La più grande occasione per il raddoppio, però, arriva alla mezz'ora, quando Riise confeziona un cross d'oro dalla sinistra per Taddei, che da distanza ravvicinata sbaglia totalmente il tocco. Il primo tempo si chiude con una Roma in dieci ma bella, e un Chievo sostanzialmente non pervenuto.

I veronesi, invece, avrebbero un'ottima occasione a inizio ripresa, quando Lobont esce piuttosto male e Ariatti avrebbe la palla buona dal limite, ma il suo destro è da dimenticare. Quella che potrebbe essere la nuova svolta arriva al 9', quando Toni va via a Mandelli in area e viene vistosamente trattenuto: è calcio di rigore. Come mercoledì va dal dischetto Pizarro, ma stavolta c'è la parata di Sorrentino. Sarebbe a questo punto legittimo attendersi un contraccolpo psicologico per i giallorossi, che invece tengono alla grande: dal 4-4-1, Perrotta viene spostato leggermente più avanti, a lasciare qualche spazio di troppo sulla sinistra ma anche a raccogliere i mille palloni recuperati da Toni. Al 19' Ranieri deve rinunciare anche a De Rossi, che esce dolorante: al suo posto Brighi. L'occasione maggiore è, ancora una volta, per la Roma: cross col contagiri di Taddei per Cassetti, che da distanza ravvicinata ma assai angolata non riesce a centrare la porta. Finale senza Toni, stremato: al suo posto Julio Baptista, molto fischiato ma anche molto produttivo nel tenere il pallone nelle fasi conclusive del match.

La copertina è tutta per Luca Toni, autore di una prova di grande spessore fisico e di notevole lucidità tattica, tutta al servizio di una squadra che, nonostante gli oltre 80 minuti in dieci, non ha mai sofferto il Chievo. Non sarebbe stato male chiudere la gara col secondo gol, ma la vittoria è strameritata. A differenza degli ultimi minuti col Cagliari, si è vista una squadra con la giusta mentalità: concentrata, concreta e determinata. In attesa di recuperare uomini.

Simone Luciani

Roma-Chievo 1-0

Roma: Doni, Cassetti, Juan, Burdisso, Riise, De Rossi (20' st Brighi), Pizarro, Vucinic (13' pt Lobont), Perrotta, Taddei, Toni (35' st Julio Baptista). A disp.: Andreolli, Motta, Faty, Cerci. All.: Ranieri.

Chievo: Sorrentino, Frey, Mandelli (29' st Marcolini), Yepes, Mantovani, Bentivoglio, Rigoni (13' st Luciano), Ariatti, Pinzi, Abbruscato, Bogdani (26' st Granoche). A disp.: Squizzi, Morero, Malagò, De Paula. All.: Di Carlo.

Arbitro: Mazzoleni di Bergano.

Marcatori: 1' pt De Rossi.

Note: spettatori 30 mila circa, ammoniti Mandelli, Yepes, Mantovani. Espulso all'11' pt Doni.

[09-01-2010]

 
Lascia il tuo commento