Giornale di informazione di Roma - Venerdi 15 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Aeroporto di Fiumicino, via libera al ''body scanner''

L'Enac ha già pronte le risorse

L’aeroporto di Fiumicino è pronto all’istallazione del “body scanner”, il macchinario che permette di mettere “a nudo” i passeggeri.

Secondo il ministro dell’interno Roberto Maroni questo sistema di controllo garantirà maggiore sicurezza contro eventuali azioni terroristiche e ha gia’ dato l’ok all’istallazione di questi macchinari sia per l’aeroporto leonardo da vinci che per quello di malpensa dove, una volta installati, saranno utilizzati solo sui passeggeri provienti da voli internazionali sensibili.

Se è vero che il “body scanner” permette di “vedere” quello che non può un metal detector è anche vero che si è già scatenato un polverone sui problemi legati alla privacy facilmente superabili, secondo maroni, adottando soluzioni equilibrate senza “ledere” questo diritto.

PASSEGGERI FAVOREVOLI - Sono in assoluta larga parte favorevoli i pareri raccolti, all'aeroporto di Fiumicino, tra i passeggeri al collocamento dei body scanner nei principali aeroporti italiani, per rafforzare la sicurezza. E' il risultato di un test a campione effettuato nel pomeriggio tra i viaggiatori a voli internazionali. 

"Se questo può servire a garantire maggiore sicurezza sono certamente favorevole e quindi ben vengano i body scanner - dice un passeggero diretto a Londra - se si può essere tutti più sicuri è chiaro che il discorso della privacy, alla fine, passi in secondo piano". Ed un altro, all'imbarco per Francoforte: "Sono d'accordo con questa novità - spiega - non sono un tecnico, ma penso tuttavia che chi ci sta lavorando o ci lavorerà sia in grado di assicurare misure affinché i body scanner siano i meno invasivi possibile alla visione della figura del corpo". "Sicuramente è una misura necessaria arrivati a questo punto - spiega una ragazza - perché garantisce maggiori controlli e quindi ci permette di essere più tranquilli".

Intanto l’ente nazionale dell’aviazione civile ha già accantonato le risorse,   manca solo la certificazione dell’unione europea che individui un modello che possa rispondere a determinati requisiti di privacy e salute. Secondo l’Enac, il body scanner, velocizzerà anche le procedure d’imbarco, attualmente infatti le persone vengono perquisite una ad una. A proposito di ritardi: oggi altra giornata nera a fiumicino per i voli in partenza e in arrivo dagli stati uniti con ritardi in media di 60 minuti.

[05-01-2010]

 
Lascia il tuo commento