Giornale di informazione di Roma - Lunedi 11 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Divieto di fumo in automobile?

qualità dell'aria nell'abitacolo fondamentale per la sicurezza stradale

 In città avviene il 76% degli incidenti stradali e le vie urbane sono le più pericolose non solo per l’alta concentrazione di traffico ma anche perché spesso gli automobilisti in città sono i più distratti.

Colpa anche del fumo che oltre ad essere un pericoloso compagno di viaggio riduce drasticamente la qualità dell’aria all’interno dell’abitacolo influendo direttamente con le prestazioni del guidatore. Il clima all’interno dell’abitacolo, è infatti uno dei principali fattori di comfort ed è importante anche per la sicurezza preventiva, perché temperatura, umidità e ventilazione influiscono sul benessere del guidatore e quindi sul suo livello d’attenzione.

SONDAGGIO - DIVIETO DI FUMO IN AUTO, SI O NO? -

 “Una camera a gas: ecco cos’è l’abitacolo quando si fuma -dice il prof.Aldo Ferrara, docente di malattie respiratorie all'università di Siena- La sigaretta sprigiona migliaia di sostanze nocive, fino a 250 microgrammi di PM10 (polveri sottili), cinque volte il limite massimo previsto dall’Unione europea: provoca danni anzitutto al sistema cardiorespiratorio. Fumare equivale ad attaccarsi al tubo di scappamento di un veicolo a benzina e ingerire emissioni inquinanti. Senza contare che il fumo peggiora i guai causati dallo smog: irrita le mucose, facilitando l’ingresso di sostanze nocive nei polmoni. Così, chi fuma abitualmente 10 sigarette al giorno, accorcia la propria vita di cinque minuti per ogni sigaretta fumata”.

 In Parlamento è già approdata l’idea di sanzionare chi fuma alla guida, proprio come avviene adesso per chi usa in auto il cellulare senza auricolare. D’altronde secondo gli ultimi dati dell’Aci la distrazione alla guida ha provocato 40.000 incidenti nel 2008. Se l'emendamento passerà al Senato chi fuma in auto prenderà una multa pecuniaria di ben 250 euro con decurtazione di ben 5 punti dalla patente, e se in macchina vi sono bambini, la sanzione è raddoppiata.

 “Spero che la legge venga approvata il prima possibile. Chi fuma guidando -spiega Ferrara- ha i riflessi compromessi del 20%. E 42 incidenti su 100 sono dovuti a riduzione dell’apporto di ossigeno (ipossia), con contemporaneo incremento di monossido di carbonio causato anche dal fumo. Attenzione, la qualità dell’aria in macchina è fondamentale per stare al volante in sicurezza: aggiungere la sigaretta alle altre sostanze nocive che si trovano nell’abitacolo, vuol dire aumentare le probabilità di fare incidenti".

 A proposito di sicurezza stradale, sono stati premiati “con la Targa blu” ben 43 comuni italiani e 9 province, amministrazioni che si sono distinte per l’impegno politico e l’attuazione concreta per diminuire gli incidenti sulle strade italiane. E’ stato poi assegnato il Q-AIR 2009, il premio internazionale per vettura con la migliore qualità dell’aria nell’abitacolo, a vincerlo è stata la Lancia Delta Eco, fondamentale per il ricambio d’aria il tettino apribile.
Ospite d’onore e giurato del premio Q Air Ezio Zermiani, storico commentatore (dai box e non solo) per decenni dei Gp di Formula 1, anche lui testimonial per la sicurezza sulle strade.

"All'interno di un ambiente insalubre -spiega Zermiani- possono aumentare i pericoli di incidenti, mai prima di adesso si era parlato di questo problema, ci si era sempre concentrati sull'esterno e mai verso le cattive abitudini all'interno dell'abitacolo".

 
 

[16-12-2009]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE