Giornale di informazione di Roma - Domenica 17 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Truffa Coop Casa Lazio

rinvio a giudizio per 27 persone

Dopo 5 anni arriva ad un punto fermo la seconda fase dell’inchiesta sulla truffa Coop casa Lazio, lo scandalo che lasciò centinaia di famiglie che avevano sottoscritto le quote di decine di cooperative edilizie, senza casa e senza soldi.
Il giudice dell’udienza preliminare Aldo Morgigni ha accolto le richieste dei pm e ha dato il via libera al rinvio a giudizio per 27 persone, il processo iniziera’ il 16 marzo prossimo.

Il primo processo si era occupato della corruzione ai danni di due funzionari ministeriali compiuta dai vertici dell’organizzazione truffaldina:  quattro anni e mezzo di reclusione a francesco emilio falco, l’ex presidente del consorzio e due anni e dieci mesi per la figlia eleonora, sua stretta  collaboratrice falco, colpevole anche di aver corrotto due funzionari ministeriali,  dovra’ restituire 480 mila euro.

Ora Francesco Emilio Falco e gli altri responsabili vanno a processo per altri reati: associazione a delinquere, bancarotta fraudolenta, usura, ricettazione, rivelazione e uso di segreti d’ufficio, favoreggiamento, simulazione di reato, apropiazione indebita.

3000 le persone coinvolte nel crac di  49 cooperative che avevano in programma la costruzione di migliaia di abitazioni.

La Regione Lazio, per bocca dell’assessore alla casa Mario di Carlo, ha giudicato i rinvii a giudizio decisi dal giudice un atto di rispetto nei confronti dei cittadini.  

 
 

[15-12-2009]

 
Lascia il tuo commento
 
 
 
  CORRELATE