Giornale di informazione di Roma - Martedi 12 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cronaca Roma
 
» Prima Pagina » Cronaca Roma
 
 

Pacs: registro di unioni civili in X Municipio

a Cinecittà l'iniziativa che amplia il raggio dei diritti sociali

 

Mentre si fa sempre più caldo il dibattito sui pacs, c’è qualcuno a Roma che ha pensato di anticipare i tempi e fare da sé. Da quasi un anno è attivo nel X municipio della capitale un registro delle unioni civili. Per iscriversi a questo particolare elenco basta che uno dei due componenti della coppia di fatto, non importa che sia etero o omossessuale, risieda nei quartieri di Don bosco o Cinecittà e che l’altro sia romano.

Non si tratta di un vero e proprio pacs, come hanno spiegato i vertici del municipio, ma di un’iniziativa che amplia il raggio dei diritti sociali. Più che altro, quindi, un segnale politico lanciato per stimolare il dibattito sul tema delle coppie di fatto. A distanza di un anno, infatti, l’adesione è stata tutt’altro che massiccia ed il registro conta oggi poco più di dieci iscrizioni.
Nonostante questo, le reazioni contrarie non mancarono.

Pochi giorni dopo l’approvazione, infatti, apparve sul settimanale diocesano “romasette” un articolo dal titolo “un’improvvida deliberazione”. Nel pezzo si parlava si “scelta distruttiva”, oltre che “inammissibile sul piano giuridico e ancor più su quello morale”. Le premesse su cui si basa l’iniziativa venivano poi definite discutibili ed erronee.
Molto duro fu anche Gianni Alemanno: “un piccolo municipio, disse l’allora candidato alla poltrona di sindaco, non può scavalcare un dibattito profondo che coinvolge tutto il paese”.

 

[05-02-2007]

 
Lascia il tuo commento