Giornale di informazione di Roma - Mercoledi 13 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Teatro Roma
 
» Prima Pagina » Cultura Roma » Teatro Roma
 
 

Trenta senza lode

Al Teatro Testaccio una commedia scritta, diretta ed interpretata da Marco Falaguasta

Di Giuseppe Duca  

Altro appuntamento per il pubblico romano con il divertimento, la comicità e la fantasia di Marco Falaguasta che presenta con gli attori della Compagnia Bonalaprima la divertente commedia “Trenta senza lode” al Teatro Testaccio dal 9 al 31 dicembre.

Marco, cosa racconti stavolta?


“La storia di Claudio, un giovane e affermato architetto, che conduce una vita agiata e tranquilla, ma l’incontro  di una notte con la bella, affascinante ed estroversa  Fiore, stravolgerà la sua esistenza. Fiore, innamorata dell’appartamento  di Claudio, “dell’energia” che entra nella casa, ha trovato la sua nuova dimora…ogni tentativo è vano…non vuole andarsene…ma sta per tornare Fabiola, la fidanzata di Claudio. Che fare? Disperato, chiede l’intervento del suo fidato amico Egidio… ma dopo aver tentato tutto il possibile non rimane che un’unica soluzione: eliminarla e far sparire di corsa il cadavere”.

E poi, cosa accade?

“I nostri ‘killer’ che non hanno alcuna esperienza nel settore, si ritroveranno ad affrontare situazioni paradossali, esilaranti, complicate dall’arrivo di Carlo e Roberta. Fino a quando…il finale lo scoprirete a Teatro!”.

Come è nata questa commedia?


“Ogni volta che ascolto racconti di vita, la mia mente non resiste alontato un fatto realmente accaduto. L’aspetto che più mi colpiva mentre lo ascoltavo era la disperazione, il panico, l’agitazione che promanavano dalle sue parole nonostante mi stesse semplicemente riportando un episodio accaduto tanti anni prima. Mentre lo ascoltavo pensavo a quanto potessero essere vive in lui quelle sensazioni, a quanto lo avessero colpito e segnato se dopo tanto tempo ne parlava ancora con quel coinvolgimento.
Una bella esperienza…

“Lui aveva deciso di vivere ‘un’escursione’ che rompesse la monotonia del quotidiano, convinto però che, terminata l’esperienza, sarebbe tornato alla rassicurante routine di tutti i giorni. Così non è stato. L’escursione a un certo punto è sfuggita al suo controllo gettandolo nella disperazione più profonda, e più tentava di uscirne più comicamente rimaneva vittima di quella sabbia mobile che sembra essere la vita quando decide di diventare beffarda e dispettosa.

Temi più  che attuali, no?

“Certamente. Osservando costantemente i nostri tempi, ho capito che la stragrande maggioranza di noi vive un grande conflitto, un grande disagio, tra quello che fa e quello che avrebbe voluto fare della propria vita e la comicità è tutta in questa continua lotta, in questo duellare tra realtà e desideri. A pensarci seriamente la situazione sarebbe tristissima e catastrofica, ma per fortuna tra noi e la catastrofe interviene a salvarci la capacità di ridere delle nostre incertezze”.

Ad animare la commedia, troviamo Piero Scornavacchi, Irma Carolina Di Monte, Marco Fiorini, Danilo De Santis, Vasco Montez, Shara Guandalini, Stefania Cartechini, Sara Colelli, Eleonora D’Achille e Pietro Tommasi.

Le scene sono di Riccardo Polimeni e Alessandro Pallotta, mentre il disegno luci di Massimo Bertucci e Tony di Tore.         

Il Teatro Testaccio è in via Romolo Gessi 8 (tel.06/5755482).

Orario spettacoli: dal martedì al sabato ore 21 festivi ore 18, lunedì riposo.

24 e 25 dicembre riposo, 26 dicembre ore 18.

31 dicembre ore 21 a seguire: cotechino, lenticchie, dolce e brindisi con la compagnia. Costo della serata euro 80.

[07-12-2009]

 
Lascia il tuo commento