Giornale di informazione di Roma - Mercoledi 13 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Rassegna stampa estera
 
» Prima Pagina » Roma nel mondo » Rassegna stampa estera
 
 

Il 'No B day' di Abc e Figaro

giornali di destra raccontano l'evento

di Simone Chiaramonte

Il "No B day" secondo la stampa europea conservatrice. Un resoconto dettagliato dell'evento che si è svolto nella capitale italiana ed in altre città del Mondo è offerto dal quotidiano francese Le Figaro. "Sciarpe, bandiere e maglioni viola: sono centinaia di migliaia i manifestanti che hanno sfilato nel centro di Roma, in risposta all'iniziativa partita dalla rete per 'dire no' a Silvio Berlusconi: al premier sono state chieste immediate dimissioni. Altri manifestanti hanno protestato a Parigi, Londra, Bruxelles, Sidney, New York".

Gli organizzatori hanno stimato la presenza di "più di 350mila persone". Un fotografo dell'agenzia AFP, a cui fa riferimento Le Figaro, ha però contato un maggior numero di manifestanti: "Tra i 400mila e i 500mila". La maggior parte ha voluto sottolineare l'indipendenza del movimento, che per questa ragione ha deciso di adottare il colore viola, "l'unico lasciato libero dai partiti politici". Ad accrescere i ranghi della manifestazione anche "un gran numero di militanti di estrema sinstra". I politici presenti però hanno tenuto ad affermare di essere accorsi come semplici cittadini: è il caso di Rosy Bindi, presidente del Pd.

La gran parte degli striscioni ha fatto riferimento ai guai giudiziari del premier, imputato in due processi, in uno per corruzione di testimoni nell'altro per frode fiscale. Nel corteo però c'è stato anche chi ha chiesto la difesa dei diritti degli immigrati, chi ha denunciato un'egemonia di Berlusconi nel settore televisivo italiano o si è opposto alla costruzione del ponte di Messina. "Nella folla presenti anche i membri del 'popolo delle agende rosse', movimento che reclama la verità sulla morte del giudice Paolo Borsellino". L'attentato fu attribuito alla mafia ma le rivelazioni di un pentito hanno aperto alla possibilità di complicità politiche ad alto livello.

"Più di mezzo milione di persone a Roma" anche per il quotidiano monarchico e conservatore Abc. Il giornale spagnolo racconta:  "Giovani, anziani e bambini sono giunti da tutta Italia: sui loro striscioni si poteva leggere 'Berlusconi dimettiti' o ancora 'Viva Berlusconi, leader del popolo dell'impunità', dal momento che l'evento è stato ideato l'8 ottobre, lo stesso giorno in cui la Corte costituzionale ha bocciato la legge sull'immunità per le più alte cariche dello Stato".

"Occorre ricordare -aggiunge Abc- che sebbene l'ammontare complessivo dei manifestanti abbia sorpreso gli stessi organizzatori, Berlusconi vinse le elezioni del 2008 con un'ampia maggioranza. Chissà che le cifre non siano cambiate".

[06-12-2009]

 
Lascia il tuo commento