Giornale di informazione di Roma - Lunedi 18 dicembre 2017
 
Seguici sui social:

 
 
 
 
 
Cinema
 
» Prima Pagina » Cinema
 
 

Dieci inverni

di Valerio Mieli. Di Isabella Ragonese, Michele Riondino

di Rosario Sparti

Primo inverno. 1999. Camilla lascia il paese d'origine e si trasferisce a Venezia per frequentare l'università. Sul vaporetto incontra Silvestro: il sorriso chiaro, le idee molto meno. Un po' per fato e un po' per intenzione, il ragazzo perde l'ultima corsa della sera e passa la notte insieme a lei. È l'inizio di un amore che chiederà dieci anni per riconoscersi come tale. In mezzo scorrono l'amicizia, la paura, il dubbio, le impennate di orgoglio, l'incredulità.

L’esordio cinematografico di Valerio Mieli, che rappresenta anche il suo saggio di diploma per il CSC, è una pellicola anomala nel panorama italiano per l’atmosfera, europea tanto da ricordare certi film francesi, e per i toni scelti nel rappresentare una storia d’amore. L’intreccio non è dei più originali, così com’è inevitabile pensare nella struttura a UN AMORE di Tavarelli, ma il regista riesce a raccontare la storia di questi due giovani in maniera coinvolgente e con uno straordinario senso della misura.

Il regista sfrutta al meglio le performance di Michele Riondino e Isabella Ragonese, due delle migliori leve uscite nel cinema italiano recente, nel raccontare questo prologo d’una storia d’amore che impiega dieci anni a sbocciare. Uno dei meriti maggiori del film è proprio quello di raccontare in maniera misurata, senza sentimentalismi o trovate giovanilistiche, una storia come tante rendendola unica.

Il regista riesce a mostrare una Venezia inusuale, rendendola protagonista del film, così come le scene girate in Russia contribuiscono a rendere al meglio l’atmosfera malinconica ed invernale che, grazie alla splendida fotografia di Marco Onorato, impreziosisce la pellicola. Un bell’esordio che segna l’arrivo d’un giovane regista che si spera in futuro mantenga le promesse.

 

 

 


Secondo te quanti euro merita??
 

[06-12-2009]

 
Lascia il tuo commento